Maturità 2008: parlano gli studenti 'reduci' dalla prima prova

Maturità 2008: parlano gli studenti 'reduci' dalla prima prova

Maturità 2008: parlano gli studenti 'reduci' dalla prima prova

FORLI' - Alle 12.30 cominciano ad uscire dall'Istituto tecnico industriale Marconi i maturandi, reduci dalla prima prova: il tema. In molti hanno scelto la tipologia D, ovvero, per i profani, la traccia sui mutamenti della comunicazione: "Comunicare le emozioni: un tempo per farlo si scriveva una lettera, oggi un sms o una e-mail". Al Liceo classico Morgagni l'analisi del testo su Montale e il saggio breve o articolo di giornale sembrano essere stati i più gettonati.

 

Ma la parola d'ordine è ancora studio, domani dovrebbe essere il giorno più temuto dagli studenti forlivesi che si troveranno ad affrontare la prova specifica. Oggi dunque niente relax ma, dopo le 'sudate carte' di questa mattina, quasi per tutti, una full immersion tra i libri.

 

Tornando al tema, Enea Monti è tra i primissimi ad uscire dal portone che dà su viale Della Libertà: "Ho scelto la traccia sulla comunicazione, me l'aspettavo - commenta a caldo - invece per l'ambito tecnico scientifico pensavo uscisse il nucleare". Anche Matteo Calderoni, il quarto ad uscire ha deciso per la tipologia D: "Ho scelto il più facile".

 

"Molti titoli erano prevedibili, nemmeno quello su Montale era difficile", afferma Zsolt Varga, altro estimatore della tipologia D. Gli fa eco Antony Santini: "Ci aspettavamo la traccia su lavoro e sicurezza, quella sulla Costituzione e, come autori, Montale e Svevo".

 

Cambio di rotta per Nicolò Cortesi: "Ho scelto la Tipologia B, argomento il lavoro, perchè me l'ero preparato". Luca Zamperini invece ha puntato sulla Costituzione: "Me l'aspettavo. Oggi mi metterò sotto, domani relax".

 

Irene Ricci ha puntato sull'analisi del testo: "Più che Montale mi aspettavo Svevo, Pavese o Moravia, comunque non era difficile". Tipologia D anche per Luana Botti: "Ho scelto l'argomento su cui mi sentivo più preparata. Oggi si prospetta una giornata di studio: domani abbiamo la prova più difficile".

 

Spostandosi di poco, alle spalle della statua di Icaro, i primi gruppetti di studenti del Classico si stanno rilassando. "Non erano temi difficili - azzarda Francesco Benvenuti - avevo già deciso che avrei scelto l'ambito artistico (La percezione dello straniero nella letteratura e nell'arte ndr)". Stessa Scelta per Barbara Errani: "Era l'unica traccia un po' originale, gli altri ce li aspettavamo tutti, da Montale a lavoro e sicurezza". Lo straniero anche per Federica Montanino: "Mi aspettavo qualcosa che riguardasse l'immigrazione e l'argomento mi interessava. Il più difficile era quello sul lavoro".

 

Le prime voci smentiscono che Montale fosse un autore scontato e molti maturandi si aspettavano altri nomi, soprattutto Svevo e Pavese. "Era un po' difficile - confessa Valentina Monti, che ha scelto l'analisi del testo". Per Elisa Valbonesi, invece, "non era difficile. Ho scelto l'analisi del testo - spiega - perchè su questa mi sentivo più sicura". Anche Anna Sabatini ha scelto Montale: "Non era semplice, mi aspettavo Svevo, Pirandello o Verga. I titoli erano belli".

 

Anche la Costituzione, ampiamente prevista tra i 'nostradamus' dei titoli, è piaciuta, ma soprattutto, era stata preparata. "Me l'aspettavo - dice Eleonora Vannetti - comunque tutti i temi erano fattibili". Anche Francesca Polidori ha scelto questa traccia: "L'avevamo preparata in classe, ora è nelle mani del professore".

 

Martina Gurioli ha optato invece per la tipologia D: "Non ci aspettavamo Montale ma lavoro e Costituzione sì". Comunicazione anche per Marco Peperoni: "Era il più stimolante. Oggi studierò perchè fino ad ora mi sono riposato". Argomento storico, invece, per Viola Zaccarelli che ha scelto di parlare di "Cittadinanza femminile e condizione della donna nel divenire dell'Italia del Novecento". "Era quello che mi ispirava di più - racconta - il saggio breve o l'articolo di giornale non erano facili".

 

Dunque oggi tutti a casa a studiare, dopo una prima prova abbastanza soddisfacente nel complesso, a parte l'inaspettato nome di Eugenio Montale con i suoi "Ossi di seppia".

 

Chiara Fabbri


Commenti (1)

  • Avatar anonimo di tess89
    tess89

    personalmente mi aspettavo solo il tema della costituzione...ma quello che mi è piaciuto di più è stato l'inaspettato saggio breve sul rapporto tra scienza e tecnologia...frequento il liceo linguistico e non mi sarei mai aspettata di fare questa scelta!!in ogni caso la prima è andata...aspettiamo le tracce di lingua per domani!!^^

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -