Maturità 2010, previsioni sbagliate. Niente Pascoli, esce Levi

Maturità 2010, previsioni sbagliate. Niente Pascoli, esce Levi

Maturità 2010, previsioni sbagliate. Niente Pascoli, esce Levi

ROMA - Con il tema d'italiano i 500.694 studenti di 25.244 quinte classi hanno rotto il ghiaccio con l'esame di maturità. Tutte le indiscrezioni della vigilia si sono rapidamente dissolte con l'apertura delle buste. Non poche le sorprese: in pochi avevano scommesso sull'uscita di Primo Levi, di cui è stato proposta l'analisi di una sua prefazione a 'La ricerca delle radici. Antologia personale'. A sceglierlo sono stati infatti solamente il 4,7% dei maturandi.

 

E poi - lontano dalle ipotesi che si susseguivano sul web nelle ultime ore - le foibe, temi sul Piacere (esplorandone anche il sesso), il ruolo della musica e la ricerca della felicità (la traccia più scelta, con quasi il 37% dei candidati a preferirla sulle altre) e il ruolo dei giovani nella storia e nella politica. Internet ha quindi 'tradito' gli studenti. Ma gli esperti di Skuola.net lo avevano detto: diffidate della fuga di notizie, perché quasi sempre sono lontane dalla realtà.

 

Il web ha reagito anche lentamente alla diffusione delle prime, vere, indiscrezioni. La conferma di Levi è stata data da Studenti.it alle 8.32. Skuola.net ha constatato che l'esordio della maturità è stata caratterizzata da una penuria di fughe di notizie dall'interno delle scuole. Alle 9 del mattino si aveva la certezza sugli argomenti delle 7 tracce, ma non si è potuto dire la stessa cosa per i testi completi delle stesse.

 

ScuolaZoo, che lunedì aveva diffuso la traccia bufala, ha abdicato, annunciando che il ministero aveva vinto "la battaglia". Spento l'eco dei commenti sulla prima prova, gli studenti si sono già rimessi al lavoro. Non solo sui libri. Ma anche su internet, a caccia di soffiate e dritte per la seconda prova diversa da indirizzo a indirizzo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -