Maxi evasione di 300 milioni in aziende tessili cinesi: due arresti

Maxi evasione di 300 milioni in aziende tessili cinesi: due arresti

Maxi evasione di 300 milioni in aziende tessili cinesi: due arresti

Due imprenditori finiti in manette, 300 milioni di evasione fiscale, circa un migliaio di imprese tessili cinesi coinvolte su tutto il territorio nazionale. Questo il bilancio della maxi operazione portata a termine dalla Guardia di finanza dell'Emilia-Romagna. Le Fiamme gialle hanno scoperto che per la consulenza le imprese coinvolte si avvalevano di commercialisti cinesi che avevano conseguito la laurea in università italiane, a pieni voti. Scoperti anche lavoratori clandestini.

 

Immigrati irregolari, sempre di nazionalità cinese, venivano impiegati nelle aziende. Tutti i particolari dell'indagine della guardia di Finanza verranno resi noti in una conferenza stampa in mattinata a Bologna.

 

 

 

 

 

 

 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di dreamen
    dreamen

    l'aumento esponenziale dell'evasione fiscale in italia è iniziata da quando è stato liberalizzato lo scambio commerciale con il continente cinese! c'era da aspettarselo ! in molti Hanno approfittato di questa situazione e perchè no !! i nostri amministratori(politici) lo sapevano, ma bisognava curare gli interessi delle BANCHE!!!!!!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -