Mediterraneo incandescente, un forum di studio a Ravenna

Mediterraneo incandescente, un forum di studio a Ravenna

Mediterraneo incandescente, un forum di studio a Ravenna

Si svolgerà lunedì prossimo, 28 febbraio, nell'aula Magna del corso di laurea magistrale in cooperazione internazionale (ex Istituto Verdi, via Posolini 23), un confronto a tutto campo sulle vicende drammatiche che stanno vivendo la Libia, l'Egitto e la Tunisia e le rispettive popolazioni. Sarà un'occasione di confronto e riflessione su: ripercussioni di questi sommovimenti in Europa e nel mondo, relazioni economiche di Ravenna con il bacino del Mediterraneo, situazione di quelle popolazioni e prospettive sociali politiche e imprenditoriali che si possono prefigurare.

 

Il forum è promosso dal Comune, e dalla Fondazione Flaminia; verrà aperto dal sindaco Fabrizio Matteucci e dal vicesindaco Giannantonio Mingozzi, cui seguiranno gli interventi di docenti universitari e esponenti dell'economia. Parteciperanno i professori Gustavo Gozzi e Giuseppe Benenati esperti dei Paesi del Mediterraneo e di cooperazione internazionale, Giovanni Casadei Monti direttore di Eurosportello della Camera di Commercio, Giuseppe Parrello presidente dell'Autorità portuale, i professori Luigi Balestra, presidente della Laurea Magistrale in Giurisprudenza a Ravenna, il professor Maurizio Tosi archeologo, rappresentanti della Facoltà di beni culturali e Conservazione, docenti di diritto internazionale e commerciale, esponenti di Confindustria e di altre associaizoni di impresa.

 

"Ci rendiamo conto - affermano il sindaco e il vice sindaco - che la situazione è in continuo movimento e per certi aspetti densa di incognite e di gravi pericoli per quelle popolazioni, con possibili ripercussioni sull'Italia e sull'Europa ma ciò non toglie che a Ravenna grazie alla collaborazione con le nostre facoltà universitarie e di quesi settori dell'economia impegnati nei paesi del mediterraneo, sia possibile già oggi avviare una prima comune valutazione. Per questo grazie alla sensibilità di quanti abbiamo interpellato e si sono dichiarati disponibili abbiamo decise di offrire alla città un forum aperto attraverso il quale sarà possibile approfondire questi scenari".       

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -