Meldola: inaugura la mostra "Memoria di altra vita"

Meldola: inaugura la mostra "Memoria di altra vita"

MELDOLA - Sabato 20 febbraio alle ore 17.30 presso la galleria Luigi Michelacci - Chiesina dell'Ospedale inaugura la mostra "Memoria di altra vita" dell'artista forlivese Carlo Ravaioli organizzata dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Meldola.

Il lavoro di Carlo Ravaioli appare originale e sorprendente: costituisce un'inedita sintesi tra due universi opposti e quasi mai conciliabili: quello delle tecnologie d'avanguardia, della computer grafica,  dell'immagine elettronica, e quello dei più antichi valori materici, coloristici, disegnativi della pittura. Come un moderno alchimista, Ravaioli riesce a strutturare il suo mondo espressivo secondo questa straordinaria coincidenza di opposti, in cui l'altissima definizione dell'immagine elaborata dal software sfocia nella forte presa sensuale, nella ricchezza ambigua e inquietante dei suoi dipinti. L'artista esegue i bozzetti dei suoi quadri utilizzando programmi in grado di simulare molte tecniche di pittura e disegno, ma anche la qualità dei supporti: "Puoi dipingere un quadro ad olio in cui vedi chiaramente lo spessore della pennellata e la trama della tela. - dice lui stesso - Alla fine puoi appendere in casa la foto di un quadro che in realtà non esiste". In questa simbiosi tra irreale e reale, tra materiale e immateriale, si deve cercare forse la principale chiave di lettura del suo lavoro.

"L'arte di Ravaioli è messaggio, denuncia, monito, ma è anche intima confessione, diario interiore, comunicazione umana..... Lo stile inconfondibile ed innovativo, perspicuo e scabro, è in sintonia con un'introspettiva convinzione espressa da Picasso, nettamente aderente alla verità esistenziale contemporanea: - Dipingere non è un'operazione estetica: è una forma di magia intesa a compiere un'opera di mediazione fra questo mondo estraneo ed ostile e noi - " (Enzo Dall'Ara)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -