MELDOLA - Nervegna (FI) porta in Regione la demolizione dell'ex macello pubblico

MELDOLA - Nervegna (FI) porta in Regione la demolizione dell'ex macello pubblico

MELDOLA – “Il Comune di Meldola avrebbe fornito alla Soprintendenza per i Beni Architettonici di Ravenna una data non veritiera circa l’anno di costruzione dell’ex macello pubblico per poter procedere con la demolizione del fabbricato e realizzare un progetto per la costruzione di un parcheggio pubblico”.


Il fatto se dimostrato e accertata l’eventuale cattiva fede sarebbe grave da parte di un’amministrazione pubblica e per questo motivo il consigliere regionale di Forza Italia Antonio Nervegna ha presentato un’apposita interrogazione chiedendo che venga avviata una verifica e sollecitando un approfondimento della valutazione della Soprintendenza di Ravenna che - basandosi proprio su quella dichiarazione errata - avrebbe giudicato tali immobili di non interesse storico, sebbene evidenziando anche l’opportunità di tutelare comunque l’immobile quale interesse tipologico, nell’ambito degli strumenti urbanistici comunali.


Pare invece che il Comune di Meldola intenda sostenere la decisione di demolire il fabbricato e procedere alla costruzione del parcheggio pubblico.


Nell’interpellanza Antonio Nervegna chiede alla Giunta regionale “se non ritenga opportuno intervenire presso la Soprintendenza di Ravenna affinché vengano effettuate indagini approfondite per accertare l’anno reale di costruzione del manufatto e capire l’effettivo valore storico, culturale e architettonico dell’immobile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E inoltre il consigliere regionale di Forza Italia chiede alla Giunta regionale se non ritenga opportuno intervenire affinché il Comune di Meldola “modifichi la propria decisione di demolire il fabbricato e introduca opportune tutele per mantenere l’immobile, quale interesse tipologico, nell’ambito degli strumenti urbanistici, così come caldeggiato dalla Soprintendenza di Ravenna”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -