Meldola, scritte offensive. Il Pcl: "E se fosse stato un leghista?"

Meldola, scritte offensive. Il Pcl: "E se fosse stato un leghista?"

MELDOLA - Apprendiamo dai giornali locali che un isterico Morrone (segretario provinciale della Lega Nord), riguardo alla scritta comparsa sul cartello dialettale all'ingresso di Meldola, ha già il suo teorema pre-confezionato; Morrone dichiara infatti che "scritte minatorie di questo genere sono sintomo di un clima d'odio fomentato da frange estremiste di sinistra". Considerato però che l'autore del gesto non si è certo firmato, per quanto ci è dato sapere, potrebbe esser stato anche un esponente leghista il misterioso graffitaro, desideroso di consegnare le prime pagine locali proprio al suo partito, oltretutto a sole due settimane dalle elezioni amministrative.

 

Inoltre crediamo che un "Lega merda" comparso su un segnale stradale sia nulla rispetto a un comune (Meldola appunto) governato da centro-destra e Lega, dove solamente poche settimane fa è potuto accadere che morisse un giovane (Rudy) di freddo e stenti perchè sfrattato dalla stessa amministrazione comunale, la quale si scandalizza per un po' di spray e non fa nulla per combattere l'emergenza abitativa!

 

Partito Comunista dei Lavoratori (PCL)

sezione Forlì-Cesena "D. Maltoni"

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -