Meldola: teatro per le Scuole, al via la stagione del "Dragoni"

Meldola: teatro per le Scuole, al via la stagione del "Dragoni"

MELDOLA - Partirà venerdì 15 gennaio la Stagione di Teatro per le Scuole proposta al Teatro Dragoni dall'Amministrazione Comunale di Meldola e Accademia Perduta/Romagna Teatri. Gli spettacoli, sei in tutto, andranno in scena fino al maggio 2010 con proposte per i bambini delle Scuole materne e per gli studenti dai 6 ai 14 anni.

 

Ad aprire la Stagione, venerdì 15 gennaio alle ore 9,30, sarà Ferruccio Filipazzi con Volevo vedere la luna, uno spettacolo di poesia da proporre ai bambini della Scuola Elementare, in parallelo al loro percorso di alfabetizzazione linguistica ed emotiva, e alla ricerca di un modo di esprimersi e di comunicare sottratti alla distrazione e al consumo di modelli preconfezionati.

 

Seguirà Pepè e Stella della compagnia Teatro Gioco Vita. Pepé è un bambino e Stella un piccolo cavallo. Sono nati la stessa notte nel grande circo della grande città e per questo le loro stelle brillano vicine in cielo, così vicine che i due sono subito amici. Insieme crescono giocando e, sempre insieme, imparano la dura arte del circo fino ad esibirsi davanti al pubblico in numeri acrobatici sempre più sorprendenti.Finché un giorno, di fronte ad un esercizio molto pericoloso, il cavallino ha paura, si rifiuta e per questo viene cacciato dal circo dal Direttore. È la separazione per Pepé e Stella, e l'inizio del lungo viaggio del cavallino verso l'ignoto...(mercoledì 3 e giovedì 4 febbraio alle ore 9,30).

 

Il Teatro del Buratto presenterà poi Giocagiocattolo. Il linguaggio dello spettacolo prosegue una linea di ricerca del Teatro del Buratto, nel segno della contaminazione tra le varie tecniche: l'immagine fantastica animata nello spazio nero, l'azione e la parola che narrano la storia. La magia del teatro su nero ci porterà a credere che anche i giocattoli hanno un piccolo cuore e una loro storia (giovedì 11 e venerdì 12 marzo alle ore 9,30).

 

L'appuntamento successivo sarà con i Cantieri Teatrali Koreja e Paladini di Francia, spettacolo rivolto ai ragazzi delle Scuole Secondarie Inferiori. La storia comica e tragica dei paladini di Carlo Magno, dall'arrivo a corte della bella Angelica al massacro di Roncisvalle, racconta la bellezza e la crudeltà della vita. E se da più di cinquecento anni grandi poeti e oscuri teatranti continuano a provare un piacere immenso a raccontarla, un motivo ci sarà! (mercoledì 17 marzo alle ore 9,30).

Seguirà Cristina Ghinassi con Seme Seme, prodotto da Accademia Perduta/Romagna Teatri. Seme, il protagonista della storia, è un abitante di un mondo immaginario ed è simbolo di semplicità e ricercatezza, di individualità e universalità. Rappresenta, o meglio è, uno stato d'animo, un modo di essere diverso, a tratti ingenuo per la sua inesperienza, ma precoce nel cogliere il lato simbolico e paradossale di ogni luogo che attraversa. Compie un viaggio di conoscenza, attraverso mondi utopici e di fantasia, ma perché no, possibili (lunedì 19 aprile alle ore 9,30).

 

L'ultimo appuntamento della Stagione sarà con Le quattro stagioni, nuovissima produzione di Accademia Perduta, rivolta ai bambini delle Scuole Materne, con la regia di Claudio Casadio (lunedì 24 e martedì 25 maggio alle ore 9,30).

 

Info e prenotazioni: 0543/490089 oppure 0543/64300.

www.accademiaperduta.it

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -