Mercato Saraceno, sequestrati formaggi e mozzarelle non in regola

Mercato Saraceno, sequestrati formaggi e mozzarelle non in regola

Mercato Saraceno, sequestrati formaggi e mozzarelle non in regola

Il Corpo Forestale dello Stato ha sequestrato a Mercato Saraceno formaggi, mozzarelle, ricotte e latticini prodotti in un laboratorio annesso ad un allevamento ovi-caprino in locali non idonei e già diffidati dall'Autorità Sanitaria. In due diversi interventi la Forestale, insieme al Servizio Veterinario di Cesena ha sequestro una serie di prodotti a base di latte provenienti da un allevamento di pecore e capre che li aveva prodotti nonostante la diffida dell'autorità sanitaria a sospendere la produzione, per la mancanza delle necessarie garanzie di igiene degli alimenti.

 

L'azienda agricola già nel 2009 era finita nel mirino dell'autorità sanitaria che a seguito di varie inadempienze, aveva emesso diversi provvedimenti che prevedevano principalmente la chiusura dell'attività di produzione dei formaggi, la sospensione della qualifica di azienda indenne da brucellosi ovi-caprina e il divieto e la diffida a commercializzare latte e suoi derivati. Successivamente era stato richiesta la collaborazione del Corpo Forestale per la verifica del rispetto dei provvedimenti, ma da un sopralluogo del mese dell'aprile scorso era emerso che l'azienda, per nulla intimorita dai provvedimenti di divieto, in un locale adibito a laboratorio aveva prodotto: 24 formaggi caprini di varia stagionatura, 24 ricotte caprine, 7 formaggi in salamoia, 150 litri di latte di capra, caglio per l'attività di caseificazione e in un congelatore aveva anche carne di capra congelata.

 

Il tutto veniva sequestrato, comprese le attrezzature usate per la produzione del formaggio, ed i legali rappresentanti dell'impresa venivano denunciati all'autorità giudiziaria per l'inosservanza delle disposizioni impartite dall'autorità sanitaria ed anche per la detenzione di carne di capra macellata in assenza di ogni controllo sanitario.

 

Nonostante ciò ad un nuovo e recente sopralluogo di verifica emergeva che era stata effettuata una nuova produzione e precisamente 58 forme di formaggio, 23 ricotte, 3 formaggi freschi, 14 mozzarelle anche queste tenute in una dispensa non autorizzata. Anche questa produzione veniva sequestrata ed i responsabili venivano denunciati per la continuazione dell'attività nonostante i divieti ed anche per la rimozione dei sigilli del sequestro precedente.  

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovanni Naccarato, Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato, in proposito ha dichiarato: "Il Corpo Forestale dello Stato già nel 2010 è stato impegnato in numerose operazioni di controllo della qualità nel settore agroalimentare, in modo particolare per i latticini sia nella fase di commercializzazione che in quella della produzione. In questo caso è risultata fondamentale la collaborazione con l'autorità sanitaria ed in particolare con il Servizio Veterinario."

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -