Messina, concussione: arresti domiciliari per ex procuratore aggiunto Siciliano

Messina, concussione: arresti domiciliari per ex procuratore aggiunto Siciliano

Messina, concussione: arresti domiciliari per ex procuratore aggiunto Siciliano

MESSINA - L'ex procuratore aggiunto di Messina, Pino Siciliano, è finito in manette con le accuse di concussione e tentata concussione nell'ambito dell'inchiesta relativa alla ristrutturazione dell'albergo Castellammare di Taormina. Il provvedimento cautelare, firmato dal gip del Tribunale di Reggio Calabria, Kate Tassone, su richiesta del sostituto procuratore Beatrice Ronchi, è stato notificato al magistrato lunedì pomeriggio nella sua casa dalla Squadra Mobile di Messina.

 

All'ex sostituto procuratore, titolare dell'indagine, è stato contestato di avere "condizionato" alcune vicende di carattere amministrativo relative a controversie tra il Comune di Taormina e due imprese. La concussione è stata ipotizzata per un presunto interessamento dell'ex procuratore aggiunto per far sì che la competenza sulla valutazione di incidenza ambientale delle Zone a protezione speciale interessate dai progetti fosse trasferita dal Comune alla Regione. Siciliano ora si trova agli arresti domiciliari a disposizione della magistratura.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -