Meteo, da giovedì si batterà i denti. Freddo e neve alle porte

Meteo, da giovedì si batterà i denti. Freddo e neve alle porte

Prima neve in arrivo a bassa quota da giovedì

Inverno alle porte sull'Emilia Romagna. Come ampiamente annunciato già nei giorni scorsi, la nostra regione da metà settimana sarà investita da freddi correnti direttamente dall'Artico. Sarà un cambiamento davvero duro, perché nel giro di pochi giorni si passerà dalle correnti occidentali, miti e piovose, a quelle nord-orientali che determineranno un repentino crollo della collina di mercurio e l'arrivo della prima neve in collina e localmente in pianura sul piacentino.

 

Perché l'improvviso cambio di rotta dell'autunno. Tutto sta nell'Oceano Atlantico, dove si sta creando un campo di alta pressione che nei prossimi giorni si posizionerà tra Groelandia ed Islanda. Tale favorirà la discesa di aria artico-marittima verso l'Europa e in seguito di masse d'aria continentali che si spingeranno verso le latitudini meridionali. I modelli matematici non escludono la possibilità per la giornata di venerdì della comparsa della prima neve.

 

I fiocchi bianchi potrebbero cadere anche in pianura sul Piacentino, mentre altrove a quote di bassa collina. La previsione attende conferme e nei prossimi giorni si avrà un quadro più definitivo. Intanto migliorano temporaneamente le condizioni atmosferiche dopo la domenica piovosa. La giornata di lunedì trascorrerà all'insegna della variabilità atmosferica, con possibilità di deboli piogge tra il tardo pomeriggio e la sera sulla Romagna in rapida attenuazione.

 

La visibilità potrà esser ridotta per la formazione di foschie dense e locali banchi di nebbia, specie nelle aree di campagna. I venti saranno deboli dai quadranti occidentali, mentre il mare sarà mosso con moto ondoso in attenuazione. Le temperature minime non subiranno particolari variazioni di rilievo ed oscilleranno tra 8 e 10°C. Stazionarie anche le massime, tra 10 e 13°C. Martedì sarà una giornata asciutta, con ampie schiarite in particolar modo nelle ore pomeridiane del giorno.

 

Non si esclude la formazione di foschie dense e banchi di nebbia, in diradamento nelle ore più calde del giorno. Le temperature minime sono attese in flessione, tra 7 e 10°C, mentre le massime oscilleranno attorno ai 10°C. I venti soffieranno deboli occidentali, mentre il mare sarà poco mosso. Quella di mercoledì sarà una giornata pressochè fotocopia di quella precedente, con possibili addensamenti nuvolosi che potranno dar luogo a qualche residua precipitazione in Romagna.

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di Mattia
    Mattia

    Io in 4 gomme termiche (225x55xR17) montate sui miei cerchioni ho speso 600 euro....ma le uso da novembre fino a marzo (dipende dalla temperatura e dal meteo) e la differenza si sente eccome!! E tra l'altro se sono gomme buone fanno tre anni senza problemi! E con pioggia-neve non fanno una piega...CONSIGLIATISSIME!!!

  • Avatar anonimo di R_I_C_K_
    R_I_C_K_

    gomme termiche o no, con cui concordo con @rmy, secondo me sara una bufala questa ondata di gelo...al massimo vi scaldate pedalando per l'albero in piazza...facile no...

  • Avatar anonimo di @rmy
    @rmy

    Sul bagnato la differenza è irrisoria, anzi in alcuni casi gomme estive performanti sono più drenanti e hanno maggior grip delle invernali. La differenza vera è sulla neve. Grip quasi raddoppiato e spazi di frenata dimezzati. Con l'asfalto freddo, sotto i 7-5 gradi, la mescola delle termiche-invernali, si comporta terribilmente meglio delle estive che hanno bisogno di diversa strada per entrare in temperatura e a volte nemmeno ci riescono a seconda dello stile di guida. Con leggere pendenze, sia in salita che in discesa, senza entrare nel merito di TA-TP-4WD le gomme termiche M+S (fango e neve) sono praticamente indispensabili. Inoltre si risparmiano 4-5 mesi di usura delle estive che potrebbe rimontare al riapparire della bella stagione.

  • Avatar anonimo di oOoOoOoOo
    oOoOoOoOo

    Concordo con caplaz!... e vorrei ribadire che le gomme termiche servono, non date ascolto a chi le ritiene solo uno sperpero di denaro... basta provarle e la differenza si sente, anche solo sul bagnato... poi se non vi soddiafano non compratele più, ma non fatevi ingannare da chi dice che non cambiano niente... poi ovviamente in casi straordinari bisogna montare le catene se il pneumatico invernale non ha il grip.

  • Avatar anonimo di Caplaz
    Caplaz

    Arriva la neve .e con essa il freddo,fa aumentare i rischi alla viabilità sulle nostre strade , specie sui tratti appenninici. Allora è bene munirsi di gomme termiche.Un invito a farne uso, oppure tenere le catene sempre a bordo e..buon viaggio a tutti voi da caplaz

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -