Milano: il Tar dà ragione a Sgarbi: devo tornare a fare l'assessore

Milano: il Tar dà ragione a Sgarbi: devo tornare a fare l'assessore

Milano: il Tar dà ragione a Sgarbi: devo tornare a fare l'assessore

Dopo l'esclusione, Vittorio Sgarbi è pronto a tornare al suo posto nella giunta del Comune di Milano. Cacciato dal sindaco Letizia Moratti per i suoi toni sopra le righe, il noto critico d'arte ha vinto il ricorso al Tar e dovrà quindi essere re-integrato nel suo ruolo di assessore alla Cultura.

 

La Moratti ritirò le deleghe a Sgarbi l'8 maggio scorso; lui si appellò al Tar della Lombardia e ora è pronto a tornare nei propri uffici. Nel frattempo ha già annunciato che venerdì è intenzionato a partecipare all'ultima riunione della giunta prima dello stop per le ferie estive.

 

A far scattare la decisione del sindaco di far fuori Sgarbi, fu il patrocinio concesso dall'assessore ad una rassegna teatrale dedicato al mondo omosessuale senza informare prima i colleghi e la sfuriata che lo vide protagonista ad "Annozero", la trasmissione di Michele Santoro, contro il giornalista Marco Travaglio.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' facile immaginare che il sindaco Letizia Moratti non resterà con le mani in mano. E infatti allo studio di ci sarebbero due ipotesi. O il ricorso al Consiglio di Stato contro la decisione del Tar, oppure una nuova ordinanza di revoca delle deleghe, ma questa volta più dettagliata e circostanziata, per evitare qualsiasi tipo di rilievo da parte di Sgarbi e dei suoi avvocati.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -