Milano, scontri tra cinesi e Polizia: 21 feriti

Milano, scontri tra cinesi e Polizia: 21 feriti

MILANO – Sarebbe di 21 feriti, di cui 7 cinesi e 14 vigile urbano, il bilancio degli scontri di questa mattina nella "Chinatown" milanese in Via Paolo Sarpi. Non sono state accertate ferite gravi ma solo contusioni. Tre cinesi sono stati trasportati dalle ambulanze del 118 all'Ospedale Fatebene Fratelli, due all'Ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni e uno all'Ospedale Riguarda. Nove vigili, che hanno sono stati portati al Fatebene Fratelli, chi al Pronto Soccorso o in Radiologia. Due auto della Polizia Municipale sono state pesantemente danneggiate.


Secondo una prima ricostruzione tutto è iniziato dopo che una pattuglia degli agenti della Polizia Municipale è stata aggredita da un gruppo di commercianti cinesi ai quali stavano cercando di notificare delle multe. I vigili sono stati raggiunti da un centinaio di immigrati cinesi della zona, costringendoli ad abbandonare l'auto di servizio. Sul posto è intervenuta la polizia a cui sono seguiti degli scontri con i cinesi. Quindi è seguita la protesta della comunità cinese. Altri tafferugli sono scoppiati in seguito all'angolo tra via Nicolini e Giordano Bruno.


LA REAZIONE DEL SINDACO MORATTI - ''Non e' possibile che per una semplice violazione dell'art. 82 del Codice stradale, succedano cose di questo tipo. Il bilancio è di 14 vigili feriti e di due auto delle Forze dell'ordine completamente distrutte''. Questo e' il primo commento del sindaco di Milano Letizia Moratti, intervenuto in una conferenza stampa sugli scontri di oggi in via Paolo Sarpi

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL COMMENTO DEI RAPPRESENTANTI CINESI - L'uso del carrello per il trasporto delle merci e il progetto di chiusura della via al traffico. Sarebbero questi, assieme a presunti episodi di razzismo da parte delle forze dell'ordine, i motivi all'origine del disagio della comunità cinese di via Paolo Sarpi, la Chinatown milanese, disagio esploso negli scontri di questa mattina. A raccontarlo all'Adnkronos e' quello che viene indicato come il rappresentante dei commercianti cinesi di Via Paolo Sarpi, Marco Zhou.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -