Minetti inserita "illegalmente nel listino Formigoni"

Minetti inserita "illegalmente nel listino Formigoni"

RIMINI - "Inserimento illegale" nella lista. Su questo chiedono di indagare i Radicali, che mercoledì hanno presentato una memoria alla Procura di Milano, nella quale si parla di un vertice tra Berlusconi, Formigoni e Bossi, subito prima della candidature della riminese Nicole Minetti a consigliere regionale. Dopo questo incontro la lista del centrodestra venne riaperta a pochi giorni dalla scadenza del termine di presentazione. Il documento parla di irregolarità e falsi nella raccolta delle firme a sostegno.

 

Viene chiesto di individuare eventuali responsabilità penali legate all'"inserimento illegale" della Minetti. Nel merito dell'indagine sulla presunta falsità di circa 500 firme presentate a sostegno della lista del Governatore lombardo Roberto Formigoni, gli esponenti del partito Marco Cappato e Lorenzo Lipparini, anche per conto di Marco Pannella, sotto la tutela dell'avvocato Giuseppe Rossodivita, hanno presentato la memoria negli uffici del procuratore aggiunto Alfredo Robledo.

 

"Minetti è entrata in lista con modalità illegali, e noi l'avevamo già denunciato pubblicamente 10 mesi fa", questo ha sottolineato Cappato. L'igienista dentale romagnola è entrata in lista il 25 febbraio. "Hanno riaperto la lista all'ultimo momento utile per farla entrare, visto che il 27 scadevano i termini di presentazione", continua Cappato che sostiene come l'ingresso della Minetti sia stato concordato "in due vertici ad Arcore del 23 e 24 febbraio alla presenza anche di Bossi e Formigoni".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -