Mirafiori, alle 22 scatta il referendum

Mirafiori, alle 22 scatta il referendum

Mirafiori, alle 22 scatta il referendum

TORINO - Giornata ‘calda' a Mirafiori dove oggi scatta il referendum sull'accordo tra sindacati e azienda (senza ovviamente la firma della Fiom) al centro di un furibondo dibattito politico e nell'opinione pubblica. Si comincerà a votare con gli operai del turno che inizia alle 22 e si andrà avanti finchè tutti i dipendenti non avranno la possibilità di esprimere il proprio voto. Nella serata di venerdì si potranno conoscere i risultati di questo referendum così atteso nel Paese.

 

Il piano sul quale i lavoratori sono chiamati ad esprimersi prevede aumenti lordi stimati in 3.700 euro all'anno a fronte di nuove turnazioni che prevedono più notturni e più straordinari. Tra le tante prese di posizione espresse dai vari rappresentanti politici, hanno fatto particolarmente discutere quella di Matteo Renzi, sindaco di Firenze e "rottamatore" del Partito Democratico, e quella del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

 

Il premier ha detto che se dovesse prevalere il no all'accordo, gli imprenditori italiani farebbero bene a delocalizzare all'estero. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -