Misano, primo tuffo di stagione nell'Adriatico: del 'solito' turista svizzero

Misano, primo tuffo di stagione nell'Adriatico: del 'solito' turista svizzero

Lo svizzero Max Kunzler dopo il tuffo nell'Adriatico

MISANO - Max Kunzler è la 'rondine dell'Adriatico'. Il settantenne svizzero, fedele turista di Misano da 55 anni, all'arrivo della primavera ama salutare la 'bella stagione' con un rituale bagno inaugurale. I suo i tuffi tra i flutti che bagnano le spiagge misanesi sono ormai una tradizione: il ‘bagno di Max' segna l'inizio e la fine della stagione balneare, infatti, il turista svizzero fa tappa a Misano sia in aprile che ad inizio settembre, fermandosi sempre per un lungo periodo.

 

Per il signor Kunzler e la moglie Elisabetta, Misano è una seconda patria, dove poter ritrovare amici e apprezzare tradizioni e usi.

L'amore per la località balneare e per la Romagna nacque proprio dalle tradizioni; durante uno dei suoi primi soggiorni estivi rimase affascinato dai procedimenti di vinificazione e per anni assieme agli amici albergatori seguì e contribuì alla vendemmia settembrina del Sangiovese, tornando poi in aprile ad assaggiare il prodotto finito. Misano per il signor Kunzler rappresenta un luogo ospitale e sincero, dove la qualità della vita è elevata grazie ai servizi e alla buona cucina italiana.

 

Lo scorso anno il sindaco, Stefano Giannini lo ha premiato consegnandogli il ‘Diploma di turista fedele': il sodalizio con Misano e più ampiamente con la Riviera e le bellezze dell'entroterra riminese iniziò col primo soggiorno all'Albergo Pia gestito da Quinto Marchegiani e dalla consorte Pia e proseguì negli anni con il Residence Gigi di Luigi e Tonina Giannini.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -