Misano, ruba smartphone e ricatta proprietario. Arrestato

Misano, ruba smartphone e ricatta proprietario. Arrestato

Misano, ruba smartphone e ricatta proprietario. Arrestato

RICCIONE - Si era impossessato di uno smartphone rubato ad un bolognese di 36 anni residente a Misano Adriatico, chiedendogli del denaro per la restituzione. Un agente di commercio di 42 anni originario di Lamezia Terme (Cosenza), ma residente a Cesenatico, V.G. le sue iniziali, è stato arrestato con le accuse di furto aggravato ed estorsione dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Riccione, in collaborazione con i colleghi di Cesena.

 

I militari, durante un servizio di appostamento a Gatteo Mare, hanno notato il 42enne mentre si faceva consegnare per 300 euro lo smartphone rubato da uno straniero cui l'apparato era stato venduto il giorno precedente.

 

Quindi, mentre una pattuglia bloccava il cittadino straniero, un marocchino di 45 anni regolarmente residente a Cesenatico, l'altra si è messa sulle tracce dell'agente di commercio, venendo poi bloccato ed arrestato nel luogo dove si era accordato con il bolognese per la restituzione del tablet-pc.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella circostanza il marocchino è stato denunciato in stato di libertà. Gli uomini dell'Arma hanno provveduto a restituire lo smartphone al legittimo proprietario e a sequestrare la somma di denaro.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -