Missione in Afghanistan, 21 i militari italiani morti dal 2004

Missione in Afghanistan, 21 i militari italiani morti dal 2004

KABUL - Sono 21 i soldati italiani uccisi in Afghanistan dall'inizio della missione italiana nel 2004. La prima vittima risale al 3 ottobre del 2004. Il Caporal Maggiore 23enne Giovanni Bruno perse la vita in un'uscita di strada avvenuta alla preferita di Kabul. Il 3 febbraio 2005 ha perso la vita il Capitano di Fregata Bruno Vianini. La vittima si trovava bordo di un aereo civile tra Herat e Kabul che che precipita in una zona montuosa 60 chilometri a sudest della capitale.

 

L'11 ottobre 2005 fu ucciso da un proiettile partito accidentalmente, il Caporal Maggiore Michele Sanfilippo, 34 anni. Il giovane venne trovato morto nella camerata del battaglione Genio a Kabul. Due i morti il 5 maggio del 2006. Si tratta del Tenente Manuel Fiorito, 27 anni, e il Maresciallo Luca Polsinelli, 29 anni, uccisi nell'esplosione di un ordigno al passaggio di una pattuglia italiana a bordo di due veicoli blindati a sudest di Kabul.

 

Circa due mesi di più tardi, il 2 luglio, un infarto ha stroncato il Tenente Colonnello Carlo Liguori, 41 anni. Il 20 settembre il Caporal Maggiore Giuseppe Orlando, 28 anni, è morto nel ribaltamento del mezzo blindato Puma a Chahar Asyab. Sei giorni più tardi l'esplosione di un ordigno al passaggio di una pattuglia italiana sempre a Chahar Asyab ha ucciso il Caporal Maggiore Giorgio Langella, 31 anni, mentre rimasero feriti altri 5 soldati italiani. Tra loro il Caporal Maggiore Vincenzo Cardella, morto alcuni giorni dopo per le ferite riportate nell'attentato.

 

Il 24 settembre del 2007 è morto l'agente del Sismi Lorenzo D'Auria in seguito ad un blitz delle forze speciali britanniche per la sua liberazione. Un mese più tardi un kamikaze si è fatto esplodere nella valle di Pagman, a 15 chilometri da Kabul, uccidendo il Maresciallo Capo Daniele Paladini, altri tre militari vengono feriti.

 

Il 13 febbraio del 2008 è rimasto ucciso il maresciallo Giovanni Pezzulo, 44 anni, in un attacco con armi da fuoco portatili nel distretto di Uzeebin, a circa 60 chilometri dalla capitale. Pezzulo faceva parte del Cimic Group South di Motta di Livenza, un reparto che si occupa prevalentemente di attività di cooperazione civile-militare.

 

Il 21 settembre del 2008 ha perso la vita il Caporal Maggiore Alessandro Caroppo per un malore a Herat prima di montare di guardia. Il 15 gennaio scorso, per un arresto cardiocircolatorio, è deceduto il Maresciallo dell'Aeronautica Arnaldo Forcucci muore per un arresto cardiocircolatorio.

 

L'ultimo episodio di sangue, prima dell'attentato di Kabul, risale al 14 luglio quando una pattuglia di paracadutisti della Folgore è stata colpita da un ordigno lungo la strada 517, tra Farah e la Ring Road, causando la morte del Caporal Maggiore Alessandro di Lisio. Nell'occasione altri tre soldati rimasero feriti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -