Modena: Cerami legge "Le mille e una notte"

Modena: Cerami legge "Le mille e una notte"

MODENA - Dalle 15 alle 18, il Laboratorio di poesia di via Fosse 14 a Modena organizza l'incontro "Materiali per un bestiario quotidiano", appuntamento con il poeta, saggista e critico letterario Alberto Cappi (introduce Carlo Alberto Sitta), mentre alle 17, alla biblioteca Delfini di corso Canalgrande, va in scena la performance di Antonio Catalano "Serenate per il nuovo mondo". Microstorie, canzoni e brevi filastrocche di un poeta, pittore, scultore e protagonista del teatro per ragazzi, accompagnate dalle musiche dal vivo di Matteo Ravizza (replica domenica 21 alle 17).


Alle 21, in piazza Roma, Vincenzo Cerami legge pagine dalle "Mille e una notte" su musiche originali di Aidan Zammit. Nella nuova versione tratta dal testo arabo, le fantastiche notti di Sherazade saranno restituite alla tradizione orientale e al suo clima moraleggiante e avventuroso.


L'intreccio tra parole e immagini al femminile caratterizza l'appuntamento "La fantasia d'amore delle donne", curato dal Gruppo Donne di Poesia e in programma alle 21 nell'atrio del Palazzo dei Musei di Modena. La performance presenta testi di mistiche, filosofe e scrittrici in intimo colloquio con immagini di Giovanna Gentilini, Silvia Guberti, Nicoletta Moncalieri e poesie di autrici contemporanee. Sabato 20 settembre alle 22.30 e alle 23 va in scena al Palazzo dei Musei di Modena "Il lancio del nano. La filosofia in scena", percorso-spettacolo con proiezioni e computer a partire dall'omonimo libro del giornalista e filosofo Armando Massarenti: una raccolta di voci che, tratte da temi, eventi, figure dell'esperienza quotidiana più minuta o da singoli fatti politici e declinate in senso morale, sono in grado di comporre un ideale dizionario filosofico.


Alle 23, nel chiostro di Palazzo Santa Margherita, il filosofo Ermanno Bencivenga, docente negli Stati Uniti, propone "La terra delle chimere", lettura di favole filosofiche, dai miti di Platone agli apologhi di Sartre. In contemporanea, il Teatro San Carlo ospita 23 "Caso e necessità".

 

Lo spettacolo porta in scena il dilemma tra caso e necessità, casualità e causalità, dando voce alle lettere che si scambiarono Albert Einstein e Max Born tra il 1916 e il 1955. Tra i due premi Nobel vi fu un carteggio semplice e spontaneo dal quale emergono gli aspetti umani dei personaggi, le loro preoccupazioni etiche e sociali e il diverso punto di vista epistemologico per quanto riguarda l'interpretazione della fisica quantistica. Le letture sono incorniciate da brani musicali di Bach, Mozart, Webern, Cage e Xenakis che ripercorrono in ambito sonoro le problematiche della composizione necessaria e simmetrica o algoritmica e casuale, fino al gioco finale in cui il pubblico parteciperà alla composizione estemporanea di un minuetto tramite il lancio di dadi, secondo le regole dettate da Mozart.


Sempre sabato 20, nel cortile d'onore del Palazzo dei Pio di Carpi, l'attore Roberto Citran legge "Il fantasma in opera", dedicato alla leggendaria Dama Bianca, su un testo appositamente scritto da Guido Conti ispirato ai pochi cenni storici e ai molti dati leggendari che ricordano - a seconda delle letture - una cortigiana suicida per amore, una nobildonna colta in flagrante tradimento e murata dal consorte nelle segrete del palazzo, un'anima del tempo in cerca di riposo eterno.

A Carpi, in piazza Garibaldi, alle 21 è in programma "Lo specchio di Borges", spettacolo nel quale Massimiliano Finnazer Flory interpreta la fantasia e le "finzioni" del grande scrittore sudamericano in una particolare declinazione tra teatro, letteratura e musica, sulle note di Astor Piazzolla eseguite dal quintetto napoletano Neofonia Ensemble, composto da Gianni Mola (pianoforte), Arturo Sica (violino), Pietro Bentivenga (fisarmonica), Camillo Chianese (contrabbasso) e Raffaele Ceraudo (vibrafono).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al Teatro Carani di Sassuolo va in scena alle 21.30 "Polis", interpretato dalla compagnia di danza Abbondanza/Bertoni su testi da Michelstaedter e musiche da Albinoni, Chopin e Verdi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -