MODENA - Festa interculturale, tutto pronto per la quarta edizione

MODENA - Festa interculturale, tutto pronto per la quarta edizione

MODENA - Mercoledì 19 dicembre alle 16 presso il Centro Territoriale Permanente di viale Monte Kosica 76 è in programma la quarta edizione della Festa Interculturale, promossa dall' Ufficio InformAnziani del Comune di Modena, Centro Stranieri, Circoscrizione 1, Provincia di Modena, Centro Territoriale Permanente, Tir Teatro e Cooperativa Integra.


Il programma prevede lo spettacolo teatrale "Ombre su Jlio", portato in scena dagli studenti del Ctp diretti da Riccardo Palmieri, a cui seguiranno le letture "Cittadini stranieri - Cittadinanza e accoglienza", alla presenza del sindaco di Modena Giorgio Pighi, dell'assessore comunale alle Politiche sociali Francesca Maletti, dell'assessore comunale all'istruzione Adriana Querzè, dell'assessore provinciale all'Istruzione Silvia Facchini, dell'assessore provinciale al Lavoro Gianni Cavicchioli e del presidente della Circoscrizione Centro Storico, Ingrid Caporioni.


La festa segna la conclusione dei percorsi formativi degli assistenti familiari, nati per qualificarne la professionalità e per migliorare la conoscenza della lingua italiana. Obiettivi, questi, che vanno a vantaggio sia delle famiglie, che si avvalgono di assistenti familiari per l'assistenza di congiunti anziani non autosufficienti, sia degli operatori stessi. Nel corso del 2007 Comune di Modena ha organizzato 4 corsi sul lavoro di cura, ai quali sono stati iscritti 80 assistenti, per la maggior parte in servizio presso le famiglie che beneficiano di contributi economici quali l'Assegno di Cura ed il Contributo Serdom (quest'ultimo messo a disposizione dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena ).


Con la festa, infine, si vuole anche proporre una riflessione sulla Costituzione, attraverso la Carta dei Valori del Ministro Amato e la Carta di Reciprocità del nostro Comune, documenti che compongono un sistema di regole, diritti e doveri rivolta anche ai cittadini stranieri che chiedono una più autentica partecipazione e integrazione nella vita civica del paese che li ospita e che si basa sull'assunto che il diritto di cittadinanza non può opporsi ad una cittadinanza degli esclusi (gli stranieri). Il Centro Territoriale Permanente (CTP) quest'anno ha posto l'accento sulla Costituzione e, nella celebrazione del 60°, ha costruito un percorso mirato, sostenuto dalla consapevolezza del sistema di regole, che deriva dall'applicazione dei principi costituzionali e dalla conoscenza della lingua italiana.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -