MODENA - Giovanni Manzini nuovo presidente dell'asp Charitas

MODENA - Giovanni Manzini nuovo presidente dell'asp Charitas

MODENA - Giovanni Manzini è stato nominato presidente del Consiglio di amministrazione dell'Asp Charitas, l'istituto di assistenza e cura alle persone disabili di via Panni convenzionato con il Comune di Modena. La nomina rappresenta l'ultimo atto formale della trasformazione giuridica dell'istituto da Ipab (Istituzione pubblica di assistenza e beneficenza) ad Asp (Azienda di servizi alla persona), un iter che non va in ogni caso a modificarne le funzioni.


Rimangono infatti immutate le attività del Charitas, cioè la gestione (in convenzione con Comune e Azienda Usl) del centro socio-riabilitativo residenziale "Mons. Ermanno Gerosa" in cui sono disponibili 60 posti per utenti gravi e gravissimi, la gestione del centro socio-riabilitativo diurno con 15 posti, la comunità alloggio per 6 persone e la gestione del nucleo socio-riabilitativo residenziale che mette a disposizione fino a 8 posti per disabili gravi e medio-gravi in età adulta.
Manzini sostituisce l'assessore alle Politiche sociali del Comune di Modena Francesca Maletti, che ha svolto la funzione di legale rappresentante sino alla nomina del nuovo presidente. L'assemblea dei soci ha quindi nominato il Consiglio di Amministrazione, costituito da Luigi Ferraguti, Graziano Gualmini, Umberto Iori, Roberto Palmieri e dallo stesso Giovanni Manzini, eletto alla carica di presidente dagli altri componenti del Cda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Il Charitas, punto di eccellenza nazionale per il trattamento dei disabili gravi e gravissimi, ha un bilancio di circa 5 milioni di euro l'anno ed è l'unica struttura in regione - a fronte della possibilità offerta dalla legislazione di cambiare la propria forma giuridica - ad aver scelto di mantenere la funzione pubblica invece che diventare fondazione privata.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -