MODENA - Impegno globale sulle buone pratiche ambientali

MODENA - Impegno globale sulle buone pratiche ambientali

MODENA - Un accordo importante, perchè accanto al valore educativo e formativo è anche in grado di produrre immediatamente risultati concreti molto significativi, non solo per l'importanza e la dimensione dei soggetti firmatari, ma anche per la stretta relazione tra le loro attività ed alcune delle più attuali e cruciali questioni ambientali. Basti pensare al problema del packaging, l'imballaggio dei prodotti (di cui tanto si parla in questi giorni a proposito anche della drammatica situazione in Campania) che non può essere risolto prescindendo dal coinvolgimento delle più importanti aziende della grande distribuzione.
L'Accordo è ampio, ambizioso e impegnativo, e dimostra l'attenzione ai temi ambientali di due importanti aziende come Coop Estense ed Hera Modena che, per altro, hanno partecipato attivamente a tutto il processo di Agenda 21 ed anche a numerose attività ed iniziative nel corso degli ultimi anni.


Il Comune, tramite il Settore Ambiente e l'Agenda 21, collaborerà in particolare per le attività di promozione e comunicazione, svolgendo anche una funzione di "garante" supervisore e sviluppando un ruolo organizzativo e di coordinamento dei progetti.


Gli obiettivi dell'Accordo volontario:
- Ridurre gli imballaggi e favorire quelli completamente riciclabili
- Promuovere comunque l'attenzione del consumatore verso prodotti con ridotto imballaggio e più in generale a basso impatto ambientale.
- Promuovere la raccolta differenziata tra i cittadini e i consumatori e praticare, nei punti vendita Coop, una raccolta differenziata ancora più razionale e rigorosa.
- Favorire politiche di riduzione dei rifiuti a monte (meno usa e getta, più dispenser, vuoti a rendere, ecc).
- Promuovere l'utilizzo delle Stazioni ecologiche.
- Promuovere il risparmio energetico e la sostenibilità delle sedi e punti vendita.
- Diffondere tra i dipendenti ed i consumatori informazioni sulla sostenibilità, la gestione dei rifiuti, il risparmio energetico, il consumo consapevole.

L'Accordo Volontario non si pone solo obiettivi generali, ma elenca una serie di progetti concreti, già in corso o attivabili in tempi brevi, attraverso i quali realizzarli. Tra questi "Brutti ma Buoni", distribuzione a fini sociali dei prodotti invenduti ma utilizzabili. Il progetto contribuirà agli obiettivi provinciali di riduzione dei rifiuti e, con il sostegno organizzativo e promozionale del Comune, potrà essere ulteriormente sviluppato. Saranno poi studiate campagne informative da realizzarsi nei punti vendita Coop tese alla diffusione di imballaggi e di prodotti in materiale biodegradabile, oltre che a fornire informazioni sulle corrette modalità di differenziazione nello smaltimento dei diversi materiali da imballo.


Altre attività promuoveranno l'utilizzo delle Stazioni Ecologiche fisse ed itineranti attraverso l'integrazione tra il sistema incentivante Hera (sconti sulla tariffa) ed il sistema di fidelizzazione Coop (raccolta punti). Previste anche importanti attività nelle sedi aziendali con l'organizzazione della Raccolta Differenziata negli uffici (in particolare per carta, plastica, toner) e con azioni di miglioramento del risparmio energetico e riduzione dell'impatto ambientale degli edifici. Da evidenziare che si tratta di interventi di potenziamento delle azioni positive, in quanto già oggi, nei due ipermercati modenesi di Coop Estense, la raccolta differenziata è già ben oltre il 50%.


Con la firma dell'accordo, infine, Hera diviene fornitrice di Coop Estense per il recupero delle frazioni differenziate assimilate ai RSU (rifiuti solidi urbani) presso tutti i punti vendita nel Comune di Modena.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -