MODENA - Moschee aperte, Bertolini (PdL): ''Bloccare subito l'iniziativa''

MODENA - Moschee aperte, Bertolini (PdL): ''Bloccare subito l'iniziativa''

MODENA - “Chiediamo al Comune di Modena e alle Istituzioni coinvolte nell’iniziativa ‘Moschee aperte’ di revocare immediatamente l’incontro previsto sabato mattina tra gli studenti modenesi e il Presidente dell’Ucoii Nour Dachan, noto alle cronache per avere paragonato il nazismo ad Israele. Siamo esterrefatti ed indignati dalla presenza di Dachan in città, ma soprattutto dal comportamento delle Istituzioni locali, che organizzano incontri ufficiali aperti e dedicati agli studenti, con personaggi a capo di una organizzazione che si è rifiutata di firmare la Carta dei valori stilata dalla Consulta islamica del Ministero dell’Interno”.


E’ quanto dichiara Isabella Bertolini, eletta nelle liste del PDL alla Camera dei Deputati, in merito all’iniziativa sulle moschee aperte di Modena.


“È sufficiente leggere le dichiarazioni di questi anni dell’Ucoii e la loro attività nelle moschee, per capire che iniziative come quella modenese sono assolutamente da evitare. Perché il Sindaco di Modena, se ha tanto a cuore l’integrazione ed il dialogo interculturale, non invita i musulmani a visitare le nostre bellissime e numerose chiese e ad insegnare ai bambini i valori della civiltà occidentale e cristiana, su cui si basa la nostra società? Non è un mistero per nessuno che Dachan e l'Ucoii sono ideologicamente legati ai Fratelli Musulmani e ad Hamas, che predicano l’odio razziale e divulgano sermoni anti-occidentali. Non è un mistero che tante moschee gestite dall’Ucoii, presieduta da Dachan, siano state al centro di inchieste per avere diffuso al proprio interno messaggi in cui si predicava l’odio contro l’Occidente. La presenza a Modena di personaggi come Dachan va condannata e non certo celebrata pubblicamente. Nella città, che giustamente ricorda e condanna l’odio razziale, non si possono mandare gli studenti a lezione da chi oggi ha comportamenti inaccettabili. Denunciamo di fronte a tutti i cittadini modenesi l’assurdo e pericoloso relativismo culturale delle Istituzioni locali, che già tanti danni ha prodotto in Italia e in Europa”.




Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -