Modena: Parco delle Mura, nuovi alberi e chioschi modulari

Modena: Parco delle Mura, nuovi alberi e chioschi modulari

MODENA - Nuove alberature, rimozione di cespugli e alberi in contrasto con l'impianto originario del Parco, parterre verdi e alberature con essenze conformi per le aiuole a ridosso del centro storico. I monumenti ai Garibaldini vengono spostati e collocati a corona della nuova sede della Prefettura (ex caserma Garibaldi). Saranno effettuati interventi diffusi sulle pavimentazioni, in particolare pavimentazioni lapidee andranno a prendere il posto dell'asfalto nell'area antistante il Teatro Storchi, con il ripristino dell'aiuola originaria, la rimozione dei chioschi esistenti e il ridimensionamento dei dehors; nell'area di via Contri e del Lido Park; e nell'area a ridosso delle mura vicino alla nuova sede della Provincia e della chiesa di San Pietro. Ed è solo l'inizio del progetto che, con un restyling urbanistico e commerciale, porterà a nuova vita il Parco delle Mura.


Cuore del progetto è, infatti, la riorganizzazione commerciale e localizzativa di 12 chioschi (gli attuali 10 più due di nuovo inserimento) e di alcune attrezzature per giochi dei bambini e per manifestazioni pubbliche all'aperto, con lo spostamento di alcune attività in aree più consone e con lo sgombero dei viali pedonali e ciclabili. Ai gestori saranno messi a disposizione spazi chiusi per l'utilizzo delle strutture anche nella stagione invernale, con un conseguente, parziale, ridimensionamento dei dehors attuali.


I chioschi potranno essere di due tipi a seconda che i pilastri siano realizzati in mattoni faccia a vista o con elementi metallici. Nel primo caso avranno una copertura in lamiera grecata preverniciata di colore verde scuro, un telaio realizzato in tubi di acciaio a sezione quadrata, serramenti in alluminio preverniciato apribili a libro, pavimentazioni interne in lamiera antiscivolo ed esterne in legno o lamiera antiscivolo. Nel secondo caso, ai pilastri realizzati con scatolati metallici preverniciati si assoceranno elementi strutturali che si presentano come un telaio per ciascun modulo. In entrambe le soluzioni le ante esterne di chiusura saranno rivestite in legno naturale e potranno essere più o meno coprenti. Quelle apribili a ribalta potranno essere a tutta altezza o di minor dimensione, e l'anta inferiore potrà essere utilizzata come piano di appoggio per chi pratica la vendita al dettaglio. I chioschi avranno struttura modulare, utile per consentire un buon inserimento nel contesto vegetale del parco. I moduli, a pianta pressoché quadrata, di circa 15 metriquadrati ciascuno, saranno aggregabili in strutture da 2 a massimo 14 moduli, secondo le esigenze e le localizzazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Il progetto complessivo prevede anche che, per favorire la valorizzazione commerciale dell'area, le diverse attività in essa presenti si associno in forma di consorzio, così da poter garantire, oltre a programmi ed eventi comuni, la definizione di un regolamento di gestione che consenta di coordinare e controllare il sistema degli arredi ed accessori esterni. Oltre ai chioschi sono previste alcune attrezzature adatte ad ospitare attività di interesse pubblico, come ad esempio un sistema di aree gioco per bambini che consenta una passeggiata con tappe per i più piccoli ogni 300-400 metri. Le nuove attrezzature, da porre in aree con recinzioni basse ma in grado di garantire la sicurezza, verranno gestite da operatori specializzati nel rapporto con i bambini.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -