MODENA - Un 'grande fratello' vigila sul centro storico

MODENA - Un 'grande fratello' vigila sul centro storico

MODENA - Ad aprile sarà attivato "Modena City Pass", un sistema di controllo automatico degli accessi al centro storico attraverso dodici telecamere posizionate in corrispondenza dei principali punti di ingresso al quartiere. Le telecamere, che saranno attive 24 ore su 24, registreranno il numero di targa di ogni veicolo in transito verso il centro cittadino e lo invieranno ad un sistema di controllo automatico, che - grazie ad una banca dati costantemente aggiornata - verificherà in tempo reale se i mezzi siano o meno autorizzati all'ingresso nella zona Ztl. I varchi elettronici saranno posizionati nelle postazioni che attualmente delimitano la zona Ztl: piazza San Domenico, piazza Roma all'altezza di via Fonteraso, largo San Giorgio, incrocio tra corso Canalgrande e via Goldoni, largo di Porta Bologna, vicolo del Cane, via Saragozza, via Selmi, piazzale Risorgimento, largo sant'Agostino, via Ganaceto e via Emilia Centro nel tratto compreso tra Corso Canalgrande e Corso Duomo.


Con il sistema di controllo elettronico si conferma l'obbligo di esporre il contrassegno dell'autorizzazione sul cruscotto del veicolo, poiché la mancata esposizione può dar luogo alla sanzione da parte della Polizia Municipale. Lo stesso obbligo è fatto a tutti coloro che devono recarsi in Centro con un veicolo anche solo temporaneamente, che dovranno quindi procurarsi preventivamente il permesso giornaliero o permanente (se sussistono i presupposti), comunicando il numero di targa dell'autoveicolo, in modo che il sistema riconosca e non sanzioni il mezzo al momento del passaggio dal varco.


Modena City Pass avrà una prima fase di sperimentazione nel periodo compreso tra aprile e giugno e diventerà operativo a tutti gli effetti a partire da luglio. Durante il periodo di sperimentazione gli accessi irregolari individuati dalle telecamere saranno comunicati al proprietario solo con la segnalazione dell'infrazione, ma senza l'applicazione di sanzioni. A partire da luglio, invece, i proprietari di veicoli non autorizzati saranno multati con una sanzione di 70 euro.
La violazione delle norme di accesso e di sosta al centro storico continueranno comunque ad essere rilevate dalla Polizia Municipale anche durante il periodo di sperimentazione del sistema elettronico, seguendo le normali procedure.

L'avvio del sistema di controllo elettronico Modena City Pass consolida la strategia dell'amministrazione comunale di dare una dimensione sempre più umana e vivibile al cuore residenziale e monumentale della città. Dopo l'istituzione di "City porto" per la razionalizzazione della distribuzione delle merci in centro e il potenziamento del servizio di nolo gratuito delle bici "C'entro in bici", Modena City Pass conferma infatti una scelta di forte valorizzazione degli accesi meno impattanti al centro storico, dei percorsi ciclo-pedonali, delle azioni per il rilancio del trasporto pubblico da molti punti è già possibile un accesso al centro storico con linee ad alta frequenza:10 minuti, dei sistemi telematici a tutela dei diritti dei residenti e degli operatori economici, della sicurezza ed a supporto della mobilità. Con Modena City Pass, inoltre, non si negherà l'accesso al centro storico nella zona Ztl ad alcun cittadino che ne abbia il diritto. Il sistema impedirà semplicemente gli abusi che, proprio perché tali, rendono meno vivibile il centro e tolgono spazi preziosissimi a coloro che hanno diritto di sostare. Più controlli infine, vogliono dire meno auto abusive in centro assicurando migliori soluzioni per la sosta riservata a chi vive, abita e lavora all'interno della intera zona Ztl. Anche per questo gran parte dei proventi derivanti dalle infrazioni al divieto di accesso per i non autorizzati saranno destinati alla realizzazione di nuove strutture e aree per parcheggi oltre che per qualificare il sistema viario urbano.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -