Monari (Pd): "La manovra costa 740 milioni di tagli all'Emilia-Romagna"

Monari (Pd): "La manovra costa 740 milioni di tagli all'Emilia-Romagna"

«Rammarico per la decisione del Popolo delle Libertà di abbandonare l'aula, ma consapevolezza che parlare oggi della Manovra economica del Governo non significa affatto fare propaganda; al contrario serve a dire ai cittadini, a coloro i quali ci hanno permesso di sedere sui banchi dell'Assemblea Legislativa, cosa accadrà». Così Marco Monari, Presidente del Gruppo del PD in Regione Emilia-Romagna, si è espresso martedì mattina nella seduta straordinaria dell'Assemblea legislativa dedicata alla manovra finanziaria e ai suoi effetti.

 

«La Manovra del Governo prevede tagli per l'Emilia-Romagna pari a 740 milioni di euro nel biennio 2011-2012. Il centrodestra deve avere il coraggio di dire agli emiliano-romagnoli che questa Manovra del Governo Berlusconi colpirà lavoratori, famiglie e imprese. Ovverosia coloro i quali stanno continuando a scontare gli effetti della crisi. In particolare sono previsti tagli per 150 milioni di euro ai servizi ferroviari, 140 milioni di incentivi alle imprese, 120 milioni alla viabilità, 100 milioni al welfare, 90 milioni alla casa, 60 milioni all'agricoltura, 50 milioni all'ambiente, 30 milioni alla salute a cui si aggiungeranno i tagli del fondo per l'affitto e del fondo per la non autosufficienza. Ora: il centrodesta deve avere il coraggio di dire ai cittadini che con tagli simili non è più garantito  lo standard di vita mantenuto sino ad ora».

 

«Fra l'altro - ha proseguito Monari - il Governo parla molto di federalismo fiscale ma con la Manovra finanziaria 2010 taglia solo l'1,2%, alle spese dello Stato, mentre i trasferimenti alle Regioni vengono decurtati del 13,7%. Chi pagherà per primo sulla propria pelle questi tagli? Come sempre i cittadini, e con loro gli enti locali, i Comuni, le Province, le Regioni. Ma se si predica austerità deve essere il Governo per primo a dare il buon esempio; non può essere che chieda soprattutto ad altri di sopportare in misura prioritaria i sacrifici. E così non è».

 

«In un momento in cui molti media paiono non accorgersi della gravità della situazione - ha concluso Monari - Il gruppo del PD in Regione Emilia-Romagna e i suoi Consiglieri saranno impegnati nelle prossime settimane in una campagna-verità nei territori per rendere note agli abitanti le cifre di questo salasso e le conseguenze che l'Emilia-Romagna e i suoi abitanti dovranno pagare». 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -