Montecatini, uccide dirigente comunale 'per vendetta'. Poi si suicida

Montecatini, uccide dirigente comunale 'per vendetta'. Poi si suicida

MONTECATINI - Ha ucciso per vendetta la dirigente comunale che nel 2004 firmò le carte del licenziamento. Quindi si è rifugiato a casa, dove si è suicidato sparandosi con la stessa arma che aveva ucciso la funzionaria. Dramma giovedì pomeriggio al Comune di Montecatini Terme. Autore dell'omicidio il cinquantacinquenne Silvano Condotti: prima di uccidere la dirigente, Giovanna Piattelli, aveva lasciato un biglietto in cui prefigurava i suoi propositi di vendetta.

 

Secondo quanto emerso, la pistola con cui Condotti ha sparato era regolarmente detenuta. L'uomo era un ex dipendente comunale, autista di scuolabus, licenziato nel 2004 a quanto pare per aver dato uno schiaffo ad un bambino sullo scuolabus che guidava. La donna uccisa sarebbe la dirigente che aveva firmato le carte di allontanamento. "La situazione di quell'uomo era nota a tutti ma nessuno si aspettava un gesto così folle", ha detto l'ex sindaco Ettore Severi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -