MORCIANO - Pastificio Ghigi, la proprietà: ''Non vogliamo arrivare alla chiusura''

MORCIANO - Pastificio Ghigi, la proprietà: ''Non vogliamo arrivare alla chiusura''

RIMINI - "Apprendiamo dai giornali che ci sarebbero imprenditori disposti e capaci a portare avanti le proposte sindacali per il mantenimento dei “livelli occupazionali” a 130 addetti. Se non abbiamo inteso male. Ci piacerebbe, dunque, incontrarli, aspettando di conoscere le loro strategie imprenditoriali a salvaguardia di tutti i posti di lavoro". Lo afferma la proprietà del pastificio Ghigi in un nuovo capitolo della controversa vicenda dell'azienda di Morciano di Romagna.


"Tutto ciò, secondo noi, non serve a chiarire quanto sta accadendo - afferma l'amministrazione -, ma solo a confondere la discussione, tentando di accreditare l’idea che comunque la Ghigi chiuderà, aspettando chissà chi o cosa. Ma il Con.Sv.Agri. non vuole arrivare a tanto, e continuerà ad impegnarsi affinchè la Ghigi viva. Siamo sempre stati accusati, durante i lunghi mesi di trattative, di voler nascondere i “Piani Aziendali”, che non si vogliono nemmeno ascoltare e sentire, nella convinzione che comunque non servano".


"Riconfermiamo, e non può essere diversamente, che i 'livelli occupazionali' hanno successo se legati alle reali possibilità di sviluppo e alle esigenze operative del nuovo Pastificio di San Clemente - precisa ancora la proprietà -. Orbene, anche dopo la dichiarazione del Presidente in persona di essere disposti a sedersi attorno ad un tavolo, perché si continua a far finta di nulla? I “livelli occupazionali”, in nessuna azienda, vivono per se stessi, ma in base alle effettive capacità di stare su un mercato globalizzato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con la nostra ultima lettera dicevamo di voler riprendere il dialogo, lo ribadiamo ancora una volta, a chi sia veramente interessato al bene della Ghigi".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -