Nanoparticelle, vettori contro il cancro

Nanoparticelle, vettori contro il cancro

Nanoparticelle, vettori contro il cancro

Combattere il cancro con le nanoparticelle è l'obiettivo del Centro Europeo di Nanomedicina, presentato a Milano. Sarà Francesco Stellacci, giovane scienziato italiano dalla esperienza decennale presso il Massachussetts Institute of Technology di Boston, a dirigerlo. "Un centro di eccellenza per giovani ricercatori di tutto il mondo che intendono usare gli strumenti della nanotecnologia per creare metodi innovativi di cura", così lo definisce. Nanoparticelle che fungono da vettori per i medicinali.

 

"Cercheremo di attrarre ragazzi veramente bravi, che hanno fatto esperienze importanti all'estero, per creare un ambiente stimolante dove le idee corrono veloci". 6,8 milioni di investimento per un programma che coinvolge 10 centri di ricerca pubblici e privati.

 

Il team di Stellacci è composto da 3 ricercatori di provenienza internazionale, che opereranno nei laboratori ad alta tecnologia del Campus IFOM-IEO (il campus di ricerca oncologica fondato nel 2007 da IFOM, l'istituto FIRC di Oncologia Molecolare e dall'Istituto Europeo di Oncologia). "Ci concentreremo sull'uso di nanoparticelle come vettori di medicinali e come agenti di contrasto", spiega.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -