Napoli, l'inchiesta su Romeo si allarga anche a Roma

Napoli, l'inchiesta su Romeo si allarga anche a Roma

Napoli, l'inchiesta su Romeo si allarga anche a Roma

Il terremoto giudiziaria che ha scosso il Comune di Napoli continua a far rumore. E' durato oltre cinque ore l'interrogatorio di garanzia che si e' svolto nel carcere di Poggioreale dell'imprenditore Alfredo Romeo arrestato ieri nell'ambito dell'indagine sull'appalto del Global Service. Assistito dagli avvocati Francesco Carotenuto e Bruno Von Arx, Romeo e' stato interrogato dal gip Paola Russo alla presenza dei pm della Dda titolari dell'inchiesta Raffaello Falcone ed Enzo D'Onofrio.

 

Secondo la stampa nazionale, che cita fonti investigative, nel mirino degli inquirenti ci sarebbero ora anche i rapporti tra l'imprenditore e gli amministratori di altri comuni italiani, in particolare quelli di Roma. Ed è proprio sulla capitale che si sarebbe spostata la lente d'ingrandimento, per verificare se la ‘rete' di rapporti ritenuti illeciti intessuti da Romeo possa essere stata messa in piedi anche nella città eterna.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i risvolti capitolini dell'inchiesta pare che gli inquirenti abbiano individuato nel deputato del Pd, Renzo Lusetti, e nell'ex presidente della Margherita (nonché ex sindaco di Roma ed ex vice premier) Francesco Rutelli, i punti di riferimento politici di Romeo. Ancora una volta al centro degli appetiti di Romeo ci sarebbe stata la gestione dei servizi integrati del patrimonio stradale del comune di Roma. Tutte vicende ancora da chiarire e ipotesi investigative su cui dovrà essere la giustizia a pronunciarsi. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -