Napoli, nuovo scandalo sulle auto blu. Iervolino: "Vado avanti"

Napoli, nuovo scandalo sulle auto blu. Iervolino: "Vado avanti"

Napoli, nuovo scandalo sulle auto blu. Iervolino: "Vado avanti"

Rosa Russo Iervolino, sindaco di Napoli, tiene duro e non molla la presa. "Vado avanti", dice a seguito dei continui scandali che sembrano travolgere la sua amministrazione comunale, dopo l'arresto di due assori della giunta per l'inchiesta sull'appalto "Global Service" e il presunto giro di favori all'imprenditore Romeo (che peraltro riguarderebbe anche la capitale).

 

Il nuovo scandalo riguarda l'utilizzo delle cosiddette "Auto blu", che sarebbero servite anche per scopi non legati alle attività del Comune. Gli avvisi di conclusione delle indagini sono stati recapitati a due assessori in carica, Gennaro Mola e Giulio Riccio, e a quattro ex, Bruno Terracciano, Donata Rizzo, Dolores Madaro e Giuseppe Gambale.

 

Per il sindaco Iervolino questo nuovo macigno che piomba sulla credibilità della sua amministrazione "non cambia assolutamente nulla: aspetto di leggere gli atti ma vado avanti con il mio programma".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sarebbero numerosi gli episodi in cui i due assessori in carica avrebbero impropriamente utilizzato l'auto di servizio. Nel caso di Mola se ne sarebbe servito per partecipare ad una riunione in quanto rappresentante di un ente privato, Riccio si sarebbe spostato sull'auto blu per partecipare come teste della difesa al processo di Cosenza nei confronti dei no global oltre che a Buccino, nel Salernitano, per motivi personali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -