Napolitano ai soldati in Afghanistan: ''Siate sereni''

Napolitano ai soldati in Afghanistan: ''Siate sereni''

Napolitano ai soldati in Afghanistan: ''Siate sereni''

ROMA - "Sono contento di trasmettere serenità, aggiungo che non e' sempre facile essere sereni nemmeno in Italia, siatelo voi in Afghanistan". E' questo l'augurio che il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, durante il collegamento audio-video, dalla sede del Comando operativo di vertice interforze a Roma, ha inviato ai militari italiani impegnati nelle missioni all'estero. Il capo dello Stato si è detto contento di quanto accaduto in Parlamento.

 

Normalmente "l'immagine è sempre quella di un Parlamento diviso e di una politica rissosa", ha detto Napolitano. Il fatto dunque, ha aggiunto il presidente, "che su questo argomento il Parlamento si sia mostrato unito è momento di grande conforto per me". Napolitano ha evidenziato di sentire "profondamente l'onore e la responsabilità del ruolo che la Costituzione mi assegna come capo delle forze armate".

 

"Non c'è da disquisire sull'esatto significato istituzionale di questo ruolo - ha proseguito -. Io sento la profonda responsabilità, che vuol dire anche condividere le decisioni. Non ho poteri di governo e poteri esecutivi, ma nella Difesa ho compiti di coordinamento e stimolo che si esplicano nel mio presiedere il Consiglio supremo di Difesa ed è lì che prendiamo le decisioni che riguardano il vostro impegno quotidiano".

 

Sulla missione in Afghanistan, il capo dello Stato ha evidenziato che "non è una guerra americana, ma un impegno della comunità internazionale e dell'Onu con l'unico scopo di proteggere il mondo dal terrorismo internazionale". Sul rifinanziamento alla missione, Napolitano ha ammonito che "per quanto serie siano le difficoltà di carattere finanziario, non possiamo in nessun modo venir meno agli impegni presi, perché il ruolo che l'Italia svolge è fondamentale per la sua reputazione internazionale".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -