Nasce il Parco della Vena del Gesso Romagnola

Nasce il Parco della Vena del Gesso Romagnola

Nasce il Parco della Vena del Gesso Romagnola

BRISIGHELLA - 2.042 ettari di parco e 4.022 di area contigua, dalla valle del Sillaro sino a Brisighella nella valle del Lamone, dove le colline romagnole sono solcate da una spettacolare dorsale grigio argentea ben riconoscibile, che interrompe bruscamente i dolci profili collinari conferendo un aspetto unico al paesaggio. Nasce così Vena del Gesso Romagnola, il Parco Regionale che prende avvio con l'approvazione della Regione dell'atto costitutivo del Consorzio di gestione.

 

25 km di lunghezza con una larghezza media di un chilometro e mezzo sono le dimensioni del più imponente rilievo gessoso in Italia, ricchissimo di grotte, caratterizzato da specie botaniche rare, circondato da un "mosaico" affascinante di aree naturali e di aree coltivate: ecco la carta di identità della Vena del Gesso Romagnola.

 

"Oggi nasce di fatto un Parco che era molto atteso dalle comunità locali e da tanti appassionati di natura e speleologia - sottolinea l'assessore regionale all'ambiente Lino Zanichelli -, un vero e proprio fiore all'occhiello della nostra offerta naturalistica protetta. La sua gestione consentirà non solo di tutelare ma di valorizzare appieno questo territorio. Nella nostra regione infatti i parchi non sono ‘isole' ma realtà inserite nel tessuto circostante, volano di uno sviluppo produttivo, turistico e culturale rispettoso dell'ambiente. Sono convinto - conclude Zanichelli - che a queste condizioni vadano sempre più promossi e sostenuti, per la fondamentale funzione di riequilibrio ecologico, cattura di CO2 e conservazione della biodiversità che svolgono a beneficio di tutti. Il Piano triennale delle aree protette che ci accingiamo a varare in autunno sarà l'occasione per un ulteriore sviluppo della rete dei parchi presenti in Emilia-Romagna".


L'area protetta, che era stata formalmente istituita con la legge regionale n. 10 del febbraio 2005, è situata tra le Province di Ravenna e di Bologna e comprende uno dei più importanti affioramenti gessosi d'Italia. Doline, valli cieche e numerosissime grotte, tra le quali spiccano molti "abissi", cavità verticali che nella zona raggiungono profondità record. La denominazione di "Vena", attribuita dai topografi dell'Istituto Geografico Militare, privilegia l'utilizzo minerario del corpo roccioso, da sempre sfruttato per l'estrazione del gesso. 


Il coordinamento da parte della Regione del tavolo di confronto tra le organizzazioni produttive, le Province e i Comuni coinvolti ha permesso di superare alcuni mesi fa gli ultimi scogli che ancora ostacolavano l'avvio del Parco regionale, attraverso la sottoscrizione insieme agli enti locali dell'accordo con le organizzazioni professionali agricole per valorizzare le attività del mondo rurale. 
Approvato dalla Regione l'atto costitutivo, spetta ora agli enti locali - Comunità Montane del Santerno e dell'Appennino Faentino, i Comuni di Brisighella, Casola Valsenio, Riolo Terme, Borgo Tossignano, Casalfiumanese e Fontanelice - approvare lo statuto del nuovo ente e poi nominarne gli organismi: il presidente, il comitato esecutivo, il collegio dei revisori, il comitato tecnico-scientifico e da ultimo, ma per importanza, la consulta costituita da una rappresentanza degli agricoltori operanti nel Parco.


Svolti questi adempimenti la Regione potrà attivare a favore della nuova Area Protetta le risorse finanziarie per le spese di primo impianto e di gestione, che saranno equamente ripartite tra la stessa Regione e gli enti facenti parte del Consorzio.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -