'Ndrangheta, omicidio boss Cordì: arrestato a Rimini un complice

'Ndrangheta, omicidio boss Cordì: arrestato a Rimini un complice

'Ndrangheta, omicidio boss Cordì: arrestato a Rimini un complice

RIMINI - Avrebbe partecipato all'ideazione dell'omicidio del boss Salvatore Cordì, capo dell'omonima cosca della 'ndrangheta, assassinato il 31 maggio del 2005 a Sidereo. Il pluripregiudicato A.P., 31 anni di Locri, appartenente alla cosca dei Cataldo, è stato arrestato alle prime luci dell'alba di giovedì a Rimini dagli agenti della Squadra Mobile nel corso di una retata, dove si trovava in ‘libertà vigilata' su sua richiesta del giudice di sorveglianza.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assicurati alla giustizia anche M.C., di 46 anni, ed A.M., di 32, zio e nipote, mentre ad A.C., di 52 anni, capo dell'omonima cosca della 'ndrangheta, già in cella, il provvedimento restrittivo è stato notificato in carcere. Cordi venne ucciso nel centro jonico reggino mentre stava raggiungendo la propria automobile. Ad aprire il fuoco furono due persone in sella ad uno scooter.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -