"Non ho timore di camminare la sera in piazza Saffi"

"Non ho timore di camminare la sera in piazza Saffi"

"Non ho timore di camminare la sera in piazza Saffi"

FORLI' - "Non ho timore di camminare la sera in piazza Saffi: quei volti stranieri li conosco tutti". La direttrice del Centro di Ascolto della Caritas diocesana Antonella Fabbri incrina il muro di diffidenza che sta crescendo in città nei confronti degli immigrati. "Il Vangelo - precisa - ci invita ad ascoltare il grido di aiuto del fratello in difficoltà, da qualunque parte provenga, e noi lo accogliamo".

 

"Che nessuno sia escluso", il rapporto ufficiale sull'attività svolta nel corso del 2007 dalla Caritas di Forlì-Bertinoro, è stato presentato ufficialmente alla città mercoledì sera, nella saletta della Banca di Forlì, in via Bruni. Oltre che dalla Fabbri, l'attenzione dei presenti, fra cui l'assessore provinciale ai Servizi sociali Alberto Manni e l'omologo comunale Loretta Bertozzi, è stata catalizzata dal direttore Caritas Sauro Bandi e dal Presidente delle Acli provinciali di Forlì - Cesena Luciano Ravaioli.

 

Da gennaio a dicembre 2007 sono stati ascoltati 3.241 "volti", di cui 2.439 singoli e 802 nuclei familiari, con un aumento del 13 per cento rispetto al 2006. "Il nostro compito - precisa la Fabbri - è accogliere chiunque si presenti con attenzione, chiarezza e pazienza". Il Centro di via Fossato Vecchio e le 18 diramazioni parrocchiali funzionano come osservatori sociale del disagio che cambia. Il 73,3 % per cento dell'utenza del Cda, pari a 1.788 utenti, parla straniero. E' in forte crescita la componente rumena, agevolata dal fatto che dal 2007 la Romania è parte integrante della Comunità Europea.

 

Ma si segnalano anche numerose "new entry" etniche, rappresentate da eritrei e da afgani. Il dato complessivo di ascolti Caritas include pure i cosiddetti "invisibili", ossia i 597 extracomunitari senza permesso di soggiorno, "proprio quelli - punzecchia la Fabbri - che, dovesse andare in porto la proposta del ministro Maroni, saranno arrestati per immigrazione clandestina". Rispetto ai dati 2006 l'utenza italiana risulta stabile. Ma non può certo rallegrare il fatto che ben 651 connazionali - 303 uomini e 348 donne - pari al 26,6 percento del totale, si siano dovuti rivolgere alle strutture Caritas per far fronte a bisogni basilari come casa, vitto e lavoro.

 

E se gli stranieri bussano alla porta dell'insostituibile struttura di via Fossato Vecchio chiedendo un letto per dormire, un pasto caldo e degli abiti, fra gli italiani, che al 75% sono residenti nella Provincia di Forlì, c'è da registrare un incremento notevole riguardo alle presenze quotidiane al centro di ascolto, al servizio colazioni e ai pacchi alimentari. Fra gli utenti "nostrani" prevalgono dunque le donne, quasi tutte dai 35 ai 65 anni. La fascia d'età centrale è quella più critica, proprio per le ben nota difficoltà tutta italiana a trovare un nuovo lavoro. Neppure Forlì è immune dalla nuova "moda" italiana delle famiglie in difficoltà.

 

In base ai canoni stilati dall'Istat, giace in piena soglia di povertà il nucleo di due persone con una capacità di spesa mensile non superiore ai 970 euro. In Italia - e Forlì si attesta nella media - la non invidiabile condizione è condivisa da 7 milioni di famiglie, pari ad un buon 13 percento del totale. "Nel novero - denuncia Luciano Ravaioli delle Acli di Forlì-Cesena - appaiono molti nuclei "autoctoni" costituiti da genitori e figli che, per i motivi più svariati, non riescono più a far fronte alle spese fisse mensili, come affitto, utenze e rette varie". Con buona pace dei politici, di tutti gli schieramenti, che continuano ad enunciare affermazioni di principio senza imprimere un'accelerazione strutturale al problema.

 

Piero Ghetti

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Enrico
    Enrico

    "Non ho timore di camminare la sera in piazza Saffi" .... ha fatto bene a specificare "in piazza Saffi" ma la signora Antonella Fabbri sarebbe così sicura anche in altre zone della città?? io proverei a chiederglielo!!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -