Nostalgici a Predappio? I partigiani Anpi chiedono lo stop

Nostalgici a Predappio? I partigiani Anpi chiedono lo stop

Nostalgici a Predappio? I partigiani Anpi chiedono lo stop

FORLI' - L'Anpi, l'associazione nazionale dei partigiani, chiede di bloccare le manifestazioni dei nostalgici a Predappio. Domenica prossima, infatti, è previsto un notevole afflusso di persone per la ricorrenza della morte di Mussolini. Spiega Anpi: "Registriamo con grande preoccupazione il fatto che, in occasione delle ricorrenze legate alla terribile esperienza del ventennio fascista, si ripropongano a Predappio iniziative e raduni in cui si fa largo uso di saluti fascisti e di celebrazioni che inneggiano al Duce".

 

E ancora: "Addirittura vi è chi rivendica il merito di avere sviluppato un turismo della memoria che porterebbe grandi vantaggi alla comunità di Predappio traendo l'auspicio di un'ulteriore crescita di tale fenomeno. L'ANPI, ancora una volta, esprime il suo totale dissenso rispetto agli atteggiamenti che tendono a favorire, avallare o anche solo a giustificare iniziative che hanno un carattere che va ben oltre la memoria per collocarsi piuttosto sul piano dell'esaltazione del fascismo cioè di attività vietate espressamente dalla Costituzione Repubblicana e dalla legge".

 

Ed infine: "L'ANPI considera che il pieno rispetto delle regole volute dalla Costituzione sia la condizione per sviluppare tutti gli approfondimenti utili alla conoscenza e alla valorizzazione della memoria di un periodo storico che ha segnato profondamente la storia d'Italia nel secolo scorso e rinnova il proprio impegno a dare il contributo possibile perché esso abbia il livello di scientificità che possa garantire un confronto scevro da strumentalizzazioni di parte. Predappio, per il suo valore simbolico, può essere il luogo in cui queste iniziative possono trovare la loro sede più idonea. Bisogna decidere se si vuole inseguire il turismo dei nostalgici dell'era fascista o se invece si vuole costruire un luogo della memoria condivisa".

Commenti (27)

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Davvero il povero libera mente non ha chiesto gli intervento dei moderatori... soffre pure di amnesia. Ed effettiva mente, se ci penso, non mi sembra così anonimo... vista l'acidità che mette in ciò che scrive, probabilmente consuma troppi limoni... https://www.romagnaoggi.it/forli/2010/5/5/160017/ vuoi vedere che ha libera mentito anche sull'età? Dopo ripetuti tentativi, falliti, di spremersi le meningi, per produrre qualcosa di decente, evidente Mente tenta di spremere altro... Non possiamo (io, Simy e c.) che sperare che si riprenda presto per tornare al lavoro, io e Caldi sentiremmo la sua mancanza. cmq, per chi ha tempo da perdere la lettura dei link è divertente... c'è chi ci mette la faccia, io, chi la feccia, lui 5. vico - 07/03/10 - 14.59 @LiberaMente tranquillo, io c'ho messo la faccia per 1000 euro in 5 anni (consigliere di circoscrizione). Ne spendo di + in benzina e telefonate, ma sono contento lo stesso. Quanto alla feccia, non mi sembra che nel PD prosperi, visto che quando i nostri sbagliano si dimettono. Non porto parrucconi o parrucchini, faccio politica per passione, e perchè credo che si debba stare da una parte, e ho scelto quella dei deboli. Quanto al tuo non voler essere amministrato, è un tuo diritto, liberissimo di vivere come vuoi. Ma visto che non partecipi alle scelte, che diritto ai di criticarle? se non ti interessano puoi solo subirle. 4. LiberaMente - 07/03/10 - 12.39 No, ma d'altre parte merito e serietà non sono prerogative molto richieste nel PD... L'importante è trovare qualcuno che ci metta la faccia per garantire la poltrona alla solita feccia. Non che qualcuno degli altri partiti sia meglio, comunque. Quando l'obiettivo sono i 500000 euro abbondanti in 5 anni di consiglio regionale... E poi parlano della crisi... Ora arriverà qualche parruccone del PD a parlare di qualunquismo, dell'importanza di "amministrare la cosa comune per il bene comune"... Io non voglio essere amministrato, nè da voi, nè da altri.

  • Avatar anonimo di LiberaMente
    LiberaMente

    Non ho segnalato i suoi post, non so cosa ci fosse scritto, qualcuno sarà intervenuto di propria iniziativa. Forse pensava di potersi comportare qui come a casa sua, magari protetto "politicamente", ma evidentemente così non è. Per quanto riguarda l'anonimato, è presto detto: io sono anonimo per lei, ma potrei non esserlo per tanti altri che leggono qui. Non è che quello che lei non conosce, non esiste; questo è ciò che crede un bambino di tre anni. Per le altre dinamiche della rete che le sfuggono, le ricordo che lei ha sottoscritto un accordo con i titolari di Facebook nel quale cede a loro la proprietà di ciò che pubblica; per cui io non capisco perchè lei parli di "mio profilo", dato che lì non c'è nulla di suo; io prelevo da un network contenuti sui quali lei non ha diritti, se non la possibilità, concessale da Facebook stesso, di impostarvi temporaneamente alcune restrizioni, fermo restando il fatto che la proprietà è loro. Sul forum del PD si trovano anche inviti a visitare tali contenuti. Del resto... Io ho iniziato a scrivere qui pubblicando tra i primi un commento a tre notizie in giorni diversi, senza nemmeno sapere chi fosse lei: Il primo su Thomas Casadei e il PD https://www.romagnaoggi.it/forli/2010/3/6/153961/ Il secondo su Tributi Italia https://www.romagnaoggi.it/forli/2010/3/8/154100/ Il terzo sui 150 anni del plebiscito aForlì https://www.romagnaoggi.it/forli/2010/3/9/154209/ In ognuno dei tre è intervenuto, la prima volta dicendomi che non avrei il diritto di criticare le decisioni dell'amministrazione PD (risate), nel secondo mi dà del vecchio bolscevico ossessionato dal complotto perchè mi chiedo dove siano finiti 2,1 milioni di tasse pagate e sparite, nel terzo mi invita ad andarmene a San Marino perchè "oso" mettere in dubbio il mito dei plebisciti risorgimentali. Se poi sulla rete circolano immagini di lei con bandiera rossa e un suo fotomontaggio in cui al posto della faccia di Stalin ha messo la sua...

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Come al solito il povero libera mente pecca di presunzione. Come ho detto i suoi post sono lassativi, non generano problemi epatici... Qualche amante dell'Italiano potrebbe avere problemi di salute davanti a capolavori come: Voi avete scelto di esporvi pubblicamente ricoprendo cariche pubbliche più o meno importanti; evidente Mente l'autore è ripetente. Quanto alla diffamazione, sicuramente non ho grande esperienza giuridica, ma vorrei che mi si spiegasse in che modo si lede l'onorabilità di un anonimo. Il fatto che poi qualcuno segnali i miei post o invochi la moderazione dà un'idea di chi soffra, tra noi di bruciori.

  • Avatar anonimo di LiberaMente
    LiberaMente

    Per quanto riguarda l'altro consigliere di circoscrizione che lei menziona, chiedendomi di rispondere (ma a cosa?); l'unica volta che l'ho citato è stato qui https://www.romagnaoggi.it/forli/2010/4/1/156745/ solamente in quanto consigliere di circoscrizione che mi serviva per rielaborare una vecchia battuta con lei protagonista, nel commento a una sua pubblica dichiarazione alla stampa (mica sono venuto a casa vostra). Il motivo per cui ho scelto lui (contro il quale non ho nulla di personale, come non ce l'ho con lei) è che era intevenuto qui https://www.romagnaoggi.it/forli/2010/3/31/156635/ dove si parlava della stessa votazione. Dubito che egli sia venuto per questo a piangere sulla sua spalla, quindi le chiedo di nuovo se devo rivolgermi a lei come all'avvocato d'ufficio di questo spazio. Voi avete scelto di esporvi pubblicamente ricoprendo cariche pubbliche più o meno importanti; questo vi rende intrinsecamente soggetti a critiche politiche di parte, da elettori di parte avversa, sia a critiche relative all'istituto stesso che rappresentate, in questo caso da parte mia. Non che lei sia obbligato a prenderle di buon grado, ma se accettasse il fatto che questo fa parte del ruolo pubblico che ha scelto di interpretare, probabilmente avrebbe meno versamenti di bile.

  • Avatar anonimo di LiberaMente
    LiberaMente

    Essendo perfettamente a conoscenza di quale sia l'editore della testata (leggevo qui, ogni tanto, anche prima di scriverci), immaginerà quanto io stia ridendo nel vedere che probabilmente i suoi ultimi due post sono stati editati dalla redazione (oddio, la censura!). Se così fosse, l'avrebbero fatto, correttamente, per proteggerla da una possibile querela per ingiuria o diffamazione (non so cosa avesse scritto); ma se lei avesse un minimo di cultura giuridica lo saprebbe, e se avesse un minimo di buon senso non avrebbe perso la testa al punto da mettere in difficoltà l'editore (in tribunale ci farebbe finire anche lui, dato che è responsabile di questo spazio di sua proprietà, ma aperto al pubblico), scrivendo cose ingiuriose o diffamatorie nei miei confronti. Oppure devo arguire che sta sragionando, scrivendo frasi sconnesse, e che la misteriosa "lei" a cui si riferisce sia un'altra sua giovane amica immaginaria?

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    @simy infatti ho messo un si di troppo e ho omesso un pezzo del finale... ma a differenza di libera mente sbaglio e quando lo faccio non trovo scuse,ridicole come l'essere ridondante, o citare l'accademia della crusca, Riformulo Per il momento, continui a lavorare , invece di perdere tempo a scrivere fregnacce, perchè ,grazie al suo contributo economico, potremo continuare a cincischiarci con il giardinaggio in circoscrizione, e , se proprio vuole importunare , con le sue idee, qualcuno. Magari, almeno lei, prima o poi, gli darà ragione.

  • Avatar anonimo di simy
    simy

    cavoli nemmeno l'avevo letto la sua correzione..adesso una persona non puo confondersi..dopo aver letto le sue pappardelle infinite io ammetto di svirgolare..la sua arma è rimbecillire gli avversari..ingiusto!

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Libera Mente viene ripagato con la sua stessa moneta, e ci rimane male. Saremmo,( io e gli altri lettori) sconcertati e dispiaciuti, se non fosse che lui ha fatto ben di peggio. Parla di confrontarsi.. e perchè ci si dovrebbe confrontarsi con una persona che ritiene di trastullarsi con gli altri? Ha tentato di fare il carnefice e si ritrova a fare del vittimismo, penoso. I suoi pareri, viziati dal pregiudizio della sua superiorità etica e intellettuale non mi interessano. E perchè non ci risponde, il fenomeno, su cosa c'entrava Luca Caldi con gli argomenti o con la sua querelle nei miei riguardi? O la mia foto su Facebook, i miei fotomontaggi, il mio partito, l'uaar, i continui riferimenti alle circoscrizioni..... le offese al PD, i giudizi banali per cui i politici o sono furbi o sono incapaci... Il definirmi un troll, quando a trolleggiare era proprio lui (i troll sono gli attaccabrighe anonimi) , l'ignorare perfino la proprietà della testata ...cosa hanno a che vedere con le notizie? E dopo aver per 3 volte rinfacciato a Simy un Malatesta al posto di un Malavoglia si meraviglia che gli ridiamo (io, Simy e gli altri lettori) in faccia quando dipietreggia sui congiuntivi? La pianti di fare la vittima, e se le la tiri di meno. (sono abbastanza giovanile per le longilinee trentenni del PD?) A differenza di lui, io sono disposto ad imparare da chiunque, perchè sono convinto che chiunque possa insegnarmi qualcosa, ad eccezione di un pallone gonfiato, che giudica la cultura degli altri dal titolo di studio, o pretende di avere sempre la verità in tasca, fa precisazioni puntigliose, e offende. Provi a cambiare registro. Per il momento, continui a lavorare , invece di perdere tempo a scrivere fregnacce, perchè ,grazie al suo contributo economico, potremo continuare a cincischiarci con il giardinaggio in circoscrizione, e , se proprio vuole importunare , con le sue idee, qualcuno, provi . Magari, almeno lei, prima o poi gli darà ragione.

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    @simy non riesco a trovare una lavagna abbastanza grande..... ;-)

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    @j dorian e perchè mai dovrei arrabbiarmi, forse hai ragione tu. So, però che mio nonno Vico, che si chiamava come me e che era comunista, piuttosto che prendere quella tessera andò negli Usa. E che Renato, l'altro mio nonno, mazziniano, lavorò in nero per tutto il ventennio, pur di non prenderla quella tessera. E spero sarei stato degno di loro. E se posso consigliarti un bel libro, leggiti "Il voltagabbana" storia di un fascista che cambia idea e diventa partigiano. Potrà farti capire qualcosa su quegli anni. E tra i pazzi, c'era gente come Matteotti, i Rosselli, Gramsci, il povero Bombacci, che cambierà idea e morirà a Salo, Gastone Sozzi, Anteo Zamboni, 15enne attentatore linciato dai fascisti. Nenni, che per 6 mesi fu fascista.... Evidentemente si poteva essere antifascisti. e secondo me si doveva.

  • Avatar anonimo di simy
    simy

    chi è quel cattivone che se la prende con liberamente.. che si vergogni e si nasconda dietro la lavagna!

  • Avatar anonimo di LiberaMente
    LiberaMente

    No, Vico, direi che soprattutto sul piano della competenza giuridico-legale avrebbe parecchio da imparare. Non che sia necessario avere tale competenza in generale, e ci mancherebbe, ma sarebbe richiesta nel momento in cui si prova a citare la legge Scelba. Se, però, su post da più di 1000 caratteri riesce a criticare ora una consonante mancante, ora un congiuntivo dubbio, e in altra sede chiama "alfabeta" chi scrive, direi che lei non è interessato a comprendere, ma vuole solo fare sterile polemica, e per giunta senza la conoscenza necessaria a confrontarsi sulle leggi di cui lei per primo ha parlato. Io ritengo importante scrivere qualche riga su determinati argomenti, mettendo in evidenza quali sono le competenze, ed eventualmente le responsabilità, che la legge attribuisce alle persone o agli enti coinvolti. Questo per chiarezza, in un sistema che tutto è, fuorchè chiaro. Non so in quale modo sarei contro tutto e tutti, al limite è lei qui che ha litigato e litiga con svariati utenti, basta andare indietro con le notizie; io ho solo lei che ha preso di mira i mei post da quando ho scritto la prima volta due mesi fa, e un suo adulatore che qualche giorno fa ci ha provato, facendo ridere. Ma io per primo non ho mai criticato altri utenti qui, e tuttora problemi ne ho solo con lei. Io me la prendo semmai con le amministrazioni locali, o con i partiti politici (già morti, come il PCI o il PNF, oppure che stanno per morire, come il PD), ma certo non con altri utenti.

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Vico che ti posso dire ... Non penso affatto che tutti i fascisti fossero delinquenti, e l'atto di Togliatti è stato di grande lungimiranza, da grande politico quale è stato, seppure io non ne condivida l'ideologia. Nel 1936 solo un pazzo poteva essere antifascista, e infatti gli antifascisti si contavano sulle dita delle mani. Poi nel 1945, ovvio, lo erano tutti. Nella nostra regione (rossissima";) gli iscritti al PNF foravano in molte zone l'80%. Si dirà: o quello o niente. Certo, ma c'erano altre zone ove l'adesione non era così capillare. Dove la gente si faceva più, come ire, i capperi suoi. Predappio: 90% PNF prima, 80%PCI dopo. Cribbio, in soli 3 anni ??? Vedi, io non me la sento di sparare a zero sui fascisti ora perchè penso che, in tutta coscienza, se fossi vissuto nel 1936 quella tessera l'avrei forse presa pure io. Statisticamente parlando, l'avresti presa pure tu. Ti arrabbierai, forse, ma lo sai che è così.

  • Avatar anonimo di simy
    simy

    sentir parlare vico è un piacere! anche all'anpi si deve rompere le scatole..volete vantarvi dei modelli di oggi e non di questi signori che credevano in un liberale e giovani che ne portano avanti la testimonianza. ah oggi i modelli sono la pupa e il secchione e uomini e donne. mi scappa da ridere a sentir che la maggior parte di questi fascisti di 3 millennio se c'era benito avrebbero condotto ben altra vita!

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Non so se il prendere per i fondelli un presuntuoso ed arrogante mediocre come libera mente mi renda più apprezzato dalle trentenni longilinee. Ma ho sempre pensato che chi mi vuole insegnare qualcosa dovrebbe essere almeno un pochino più bravo di me: e dell'autore di frasi come : "La Crusca nel nostro decennio lo risolve così come le ho detto, privilegiando il contenuto alla forma, se non riesce a comprenderlo". Da lui,.non ho nulla da imparare, se non a scrivere idiozie, unica cosa in cui mi è incomparabilmente superiore. E che Libera Mente , che se la prende con tutto e tutti , che va come un guardone sfigato a curiosare sul mio profilo Facebook mi venga a dire cosa posso o non posso scrivere, ci spiega (a me e agli altri che leggono, non agli amici immaginari) con che nullità abbiamo a che fare. Ma le poche cose che ci ha detto, bastano a farcelo intuire: non riesce a convincere delle sue cretinate neanche la madre, che vota PD...

  • Avatar anonimo di LiberaMente
    LiberaMente

    Ah quello era un argomento? Mi pareva una idiozia in mezzo alle altre che scrive... Beh, se è convinto che violino la legge, faccia un esposto, si procede d'ufficio per quel reato. Altrimenti sono chiacchiere. Vedete, Vico, amico immaginario di Vico, e ciò che oggi si chiama ancora ANPI ma con pochissimi partigiani dentro... Voi non siete i monopolisti della morale, i limiti di ciò che si può fare li stabilisce la legge. Se però lei e il suo amico immaginario voleste recarvi a Predappio a fermare a norma (secondo voi) di legge i nostalgici, fate pure; sarà divertente il giorno dopo leggere su RomagnaOggi di un quintale di salsicce inspiegabilmente rotolate a valle. Per quanto riguarda il congiuntivo/indicativo è ovvio che il dubbio è su "sono/siano", "ritengano" è il verbo dominante su "sono/siano", e quindi può essere come vuole. La Crusca nel nostro decennio lo risolve così come le ho detto, privilegiando il contenuto alla forma, se non riesce a comprenderlo; e non saranno i giochi di parole da elementari a renderla più appetibile alle longilinee trentenni del PD locale. Naturalmente potrei aver compreso male e sarebbe un "gravissimo errore", ma che c'entra col contenuto dei commenti? Li vuole ridurre a una diatriba linguistica? Alla lunga ne risulterebbe perdente. Inoltre nessun mio commento supera i 2000 caratteri, quindi... Peraltro non si capisce a che pro fa polemica con me menzionando miei commenti rivolti ad altri utenti. E' l'avvocato d'ufficio di questa sezione? Simy mi provocava dicendo sciocchezze, ma lei che c'entra con ciò?

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    @j dorian le mele marce erano su tutti i fronti,tra i partigiani ma anche tra gli angloamericani : ci furono migliaia di stupri, omicidi, furti e razzie da parte degli alleati. (particolarmente feroci i marocchini e i francesi) Ma questo non vuol dir nulla. Si tratta di singoli criminali. Altrimenti si dovrebbe processare Bush per Abu Graib... I fascisti avevano imposto una dittatura, ucciso, incarcerato e esiliato gli oppositori. E le crudeltà da loro commesse provocarono le reazioni del dopoguerra. Ci si dimentica, che, sbagliando, Togliatti firmò l'amnistia che salvò i fascisti dal carcere e dalle fucilazioni. Negli ultimi anni c'è un tentativo revisionista che parte dalle dichiarazioni di Berlusconi, «Mussolini non ha mai ammazzato nessuno, Mussolini mandava la gente a fare vacanza al confino», dai libri di Pansa, dagli sceneggiati su foibe e resistenza. L'Anpi si batte contro questo revisionismo, e fa bene. Tutti i fascisti erano delinquenti, perchè complici del regime. Che poi tra loro ci fossero persone in buona fede, è sicuro. Dario Fo, ad esempio fu repubblichino, come Albertazzi, Tognazzi, Vianello, Chiari e tanti li seguirono. Ma sbagliarono e non possono essere confusi con chi aveva ragione. E i partigiani e gli alleati non erano tutti dei santi. Ma erano dalla parte giusta, e morirono e lottarono per far sì che gli italiani fossero liberi. E' importante che fossero comunisti o democristiani? Per me no. Ricordo con lo stesso rispetto gli Spazzoli, repubblicani o Boldrini, comunista.

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Preso atto che la sintesi non è tra i doni di Libera Mente, e che in effetti i suoi post hanno a che fare con la crusca, sortendo nei lettori effetti lassativi, provvederò ad inviare il suo post all'accademia per un parere. Il fatto è, che lui. per primo si è permesso di fare il maestrino, prendendo in giro Simy per una distrazione (Malatesta al posto di Malavoglia) o criticando il mio stile. Quanto al merito,non concordo con lui, qualche AGOMENTO (che mi trovi pungente?), mi sembrava di averlo già espresso... riformulo: credo (Indicativo) che 50 pullman di teste rasate che fanno il saluto romano, che fanno parte di gruppi organizzati, che usano simboli come fasci, svastiche o celtiche, ricostituiscano (congiuntivo) il partito fascista, Probabil Mente, come direbbe Berlusconi, la corte che emise la sentenza era composta da toghe rosse. Ps non per insistere visto il modesto: "Conosco bene l'uso i verbi, lei quale laurea ha?" parente dei lei non sa chi sono io, da vecchio politico poltronista , ricordo al letterato che l'esempio da lui citato implica l'uso nel primo periodo dell'indicativo. "La Crusca fa questo esempio : verbo pensare, indicativo �essere convinto�: "penso anch�io che tu sei stanco"; congiuntivo �supporre�: "penso che tu sia stanco"." Purtroppo il fine dicitore omette di segnalare che lui ha scritto: sedicenti presunti conoscitori del diritto i quali ritengano (congiuntivo) che i magistrati sono (indicativo) sbadati, sporgano denuncia... Sorge(indicativo) spontaneo il dubbio che sotto il nick si nasconda (congiuntivo) l'onorevole Di Pietro....

  • Avatar anonimo di LiberaMente
    LiberaMente

    Commenti nel merito e almeno mostri di non essere rimasto a due secoli fa anche nell'uso della lingua italiana. So che per uno prossimo all'età della pensione è un problema, ma se vuole continuare a cercare di fare colpo sulle trentenni del PD locale è necessario uno svecchiamento. Conosco bene l'uso i verbi, lei quale laurea ha? L'Accademia della Crusca, prendendo atto dell'evoluzione linguistica (a differenza di chi non si evolve nè linguisticamente, nè politicamente) dice che "[...] alcuni verbi possono avere l�indicativo o il congiuntivo, con sfumature diverse di significato." In particolare, alcuni verbi che riguardano la sfera dell'opinione, com'è appunto il "ritenere" che io ho usato, seguiti dall'indicativo esprimono certezza (che è la sfumatura che volevo dare io sul fatto che voi, lei e il suo amico immaginario, siete "certi" che i magistrati sono sbadati, dal momento che è "certo" che quei quattro gatti stanno riorganizzando il partito fascista), se dal congiuntivo esprimono supposizione. La Crusca fa questo esempio : verbo pensare, indicativo �essere convinto�: "penso anch�io che tu sei stanco"; congiuntivo �supporre�: "penso che tu sia stanco". Il merito, che lei evita sempre perchè privo di agomenti che non siano ideologici, è la sentenza della Cassazione sull'apologia di fascismo, gliela rimando, così può commentarla: "[...] l'apologia del fascismo, per assumere carattere di reato, deve consistere [...] in una esaltazione tale da potere condurre alla riorganizzazione del partito fascista. Ciò significa che deve essere considerata non già in sé e per sé, ma in rapporto a quella riorganizzazione, che è vietata dalla XII disposizione. [...]".

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Solo un analfabeta (di ritorno) , infatti scriverebbe frasi come: "sedicenti presunti conoscitori del diritto i quali ritengano che i magistrati sono sbadati, sporgano denuncia... " sorvolando sul linguaggio, piuttosto involuto, la forma verbale "sono" è sbagliata. Era corretto, invece, il congiuntivo siano. Altro che Malavoglia, la Verga doveva usarla la sua maestra ... Ringraziando il contribuente, mi attiverò comunque, perchè si inseriscano , almeno nella mia circoscrizione , corsi di lingua italiana per adulti, a cui lui possa partecipare. Quanto alla sfoggio di dottrina giuridica non posso che inchinarmi di fronte alla dotta citazione. Probabilmente, per Libera Mente 50 pulman di teste rasate che fanno il saluto romano, con svastiche e fasci, non sono : "in una esaltazione tale da potere condurre alla riorganizzazione del partito fascista. ". Ma Probabil Mente crede anche a Babbo Natale....

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Hmm, penso che il problema in fin dei conti sia tutto lì. Oramai le istituzioni storiche come l'ANPI sono appiattite su quello che una volta era il PCI, lo sanno tutti. Così tutti quelli che, e sono la stragrande maggioranza dei cittadini, non sono affini al fascismo, ma neanche al comunismo, finiscono per prendere le distanze dalla resistenza e dall'ANPI assimilando questa all'ex PCI. Per converso, ogni volta che una persona di sinistra ne sente una dire che i fascisti non erano tutti dei delinquenti e i partigiani non tutti dei santi, pensa subito che chi lo dice sia un fascista, ma non è vero.

  • Avatar anonimo di LiberaMente
    LiberaMente

    I sedicenti presunti conoscitori del diritto i quali ritengano che i magistrati sono sbadati, sporgano denuncia... Oppure. che è meglio, tacciano e magari si leggano una volta tanto le sentenze della Cassazione che già si è pronunciata in proposito più di 50 anni fa In merito all'articolo 4 della legge Scelba si legge proprio che "[...] l'apologia del fascismo, per assumere carattere di reato, deve consistere [...] in una esaltazione tale da potere condurre alla riorganizzazione del partito fascista. Ciò significa che deve essere considerata non già in sé e per sé, ma in rapporto a quella riorganizzazione, che è vietata dalla XII disposizione. [...]". Ora si spieghi alla Cassazione in che modo i nostalgici che si recano a Predappio stiano attivamente operando per riorganizzare il partito fascista oppure non stiano facendo quella cosina garantita dalla Costituzione (che a me in generale nemmeno piace) all'articolo 21, ovvero "manifestare liberamente il proprio pensiero". 50 anni fa hanno spiegato come interpretare la XII disposizione e la legge Scelba, nel 2010 ci sono ancora analfabeti che non hanno capito.

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    la guerra è finita, il diritto no: Apologia del fascismo Chiunque fa propaganda per la costituzione di una associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità ideate nell�art. 1 è punito con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa da lire 400.000 a lire 1.000.000. . Alla stessa pena di cui al primo comma soggiace chi pubblicamente esalta esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche. Se il fatto riguarda idee o metodi razzisti, la pena è della reclusione da uno a tre anni e della multa da uno a due milioni . La pena è della reclusione da due a cinque anni e della multa da 1.000.000 a 4.000.000 di lire se alcuno dei fatti previsti nei commi precedenti è commesso con il mezzo della stampa. La condanna comporta la privazione dei diritti previsti nell�art. 28, comma secondo, numeri 1 e 2, del codice penale, per un periodo di cinque anni.

  • Avatar anonimo di Brenno
    Brenno

    Qualcuno avverta l'ANPI che la guerra è finita....

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Le armi nei magazzini la misero tutti. Gladio non era fatto dai comunisti, e i repubblicani fecero altrettanto.. Poi tutti insieme fecero la nostra Costituzione. Fare classifiche di chi era + democratico non mi sembra abbia senso, anche perchè basterebbe chiedersi cosa successe nel 1964 (Segni, De Lorenzo , massone come i piduisti, e il tintinnar di sciabole...) quando la DC fu costretta a fare entrare il PSI al governo... o il comportamento di Togliatti e del PCI dopo l'attentato ...

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Corso.rossi ha ragione.

  • Avatar anonimo di corso.rossi
    corso.rossi

    Belle parole le ultime condivisibili,ma la prima parte della dichiarazione ferma l'ANPI al 26 aprile del 1945.I tempi sono cambiati,il passato deve essere ricordato per non commettere gli errori fatti,il futuro è davanti,per tutti.La libertà,voluta da tutti coloro che fecero la Resistenza soprattutto da coloro che NON erano comunisti ,è un bene da rispettare e da coltivare,per tutti.Per troppi anni l'ANPI è stata il portavoce del PCI.La Resistenza la fece anche chi il 26 aprile del 1945 credette veramente in qualcosa di nuovo e depose le armi e non andò a metterle nei magazzini aspettando il sole dell'est !.E chi cerco' di governare il Paese distrutto da guerra e da guerra civile con principi di equità e rispetto per tutti.Ricordiamocelo anche oggi quando rigurgiti di despotismo stanno sorgendo nel nostro Paese.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -