Nucleare, Prestigiacomo: ''Linea italiana non cambia''

Nucleare, Prestigiacomo: ''Linea italiana non cambia''

Nucleare, Prestigiacomo: ''Linea italiana non cambia''

BRUXELLES - La linea italiana sul nucleare "non cambia". Lo ha affermato il ministro per l'Ambiente Stefania Prestigiacomo, nel corso di una conferenza stampa a Bruxelles, a margine del Consiglio dei ministri che ha affrontato anche la catastrofe umanitaria che sta attraversando il Giappone dopo il terremoto di venerdì scorso. "Nessuna sottovalutazione", ha aggiunto il ministro secondo la quale non va comunque creato "neppure un allarmismo rispetto a una situazione eccezionale".

 

Prestigiacomo ha nuovamente criticato lo "sciacallaggio politico a fini domestici" e la "macabra speculazione" messa in atto in Italia dagli anti-nuclearisti. Per il ministro degli Esteri, Franco Frattini, il disastro in Giappone non deve giustificare "una rimessa in discussione del piano italiano verso l'energia nucleare".

 

"Abbiamo fortunatamente zone che sismiche non sono", ha aggiunto il titolare della Farnesina, ricordando che "alle frontiere tra Italia e Francia ci sono decine di centrali nucleari, a pochi chilometri da Torino". Frattini ha poi precisato che le giovani generazioni non dovrebbero pagare ancora di più "il prezzo della dipendenza dai Paesi produttori", perché "stiamo vedendo cosa accade con la Libia".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -