Nuova influenza, due decessi nella Capitale in poche ore

Nuova influenza, due decessi nella Capitale in poche ore

Nuova influenza, due decessi nella Capitale in poche ore

ROMA - Sono due i decessi causati dal virus della nuova influenza A/H1N1 a Roma. Si tratta di M.S., 58 anni, tecnico radiologo degli Ospedali Riuniti Anzio Nettuno, ricoverato da alcuni giorni nel reparto di Rianimazione all'ospedale Spallanzani di Roma. Sempre mercoledì è deceduta C.C., una leccese di 18 anni ricoverata due settimane fa all'ospedale romano Bambino Gesù. La ragazza soffriva di fibrosi cistica ed era giunta nella Capitale per sottoporsi a cure antibiotiche.

 

Il tecnico radiologo era considerato un soggetto a rischio in quanto obeso, iperteso, diabetico e fumatore. L'uomo era stato ricoverato il 24 ottobre nell'Ospedale di Anzio per insufficienza respiratoria acuta in polmone bilaterale, per poi esser trasferito allo Spallanzani il 27 ottobre. Due giorni dopo il passaggio nel reparto di Rianimazione per comparsa di sindrome da distress respiratorio nell'adulto che ha portato al coma.

 

Quindi è stato assistito con ventilazione artificiale e sottoposto a depurazione extracorporea per sopravvenuta insufficienza renale. Da quest'ultima è comparso un grave insulto vascolare tronco-encefalico documentato con Tac che ha accertato "un grave insulto vascolare tronco-encefalico". L'uomo, vedovo, lascia due figlie entrambe ventenni.

 

Potrebbe esser il virus della nuova influenza A/H1N1 la causa del decesso di una ragazzina di undici anni avvenuto all'ospedale San Gerardo di Monza. La ragazzina era colpita da una malattia congenita, a cui recentemente si è aggiunta l'influenza. Si attendono ora i dettagli dalla direzione dell'ospedale brianzolo, che ha confermato la morte. Questo, tuttavia, non esclude che il decesso dell'undicenne possa essere svincolato dal virus A/H1N1.

 

Martedì il ministero del Welfare ha diffuso i numeri relativi alla nuova influenza: 250mila casi accertati in Italia, con una incidenza media 3,8 ogni mille abitanti. Diciotto le vittime: 3 in Emilia Romagna, 3 in Lombardia, uno in Sicilia, uno in Toscana, uno in Umbria e 9 in Campania. Solo nell'ultima settimana sono stai registrati oltre 230mila casi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -