Nuova Pac, dall'Emilia-Romagna le richieste per l'ortofrutta

Nuova Pac, dall'Emilia-Romagna le richieste per l'ortofrutta

Reciprocità  di regole qualitative, commerciali e fitosanitarie tra i paesi europei ed extraeuropei; un ruolo più forte delle Organizzazioni dei produttori  anche su scala transnazionale  per governare meglio l'offerta sui mercati; reti protettive per affrontare le crisi di mercato attraverso fondi mutualistici e possibilità di ritiro delle produzioni eccedentarie;  trasparenza e  nuovi strumenti contrattuali nei rapporti con la grande distribuzione; una politica più incisiva per contrastare il calo generalizzato dei consumi domestici di frutta e verdura.


Sono queste le richieste a sostegno del comparto ortofrutticolo che  arrivano dall'Emilia-Romagna,  in vista della definizione della nuova politica agricola comune 2014-2020. 


A formularle è stato oggi a Bologna l'assessore all'agricoltura Tiberio Rabboni che ha aperto i lavori del convegno "Nuova Pac ed ortofrutta: la posizione italiana"  organizzato dalla Regione Emilia-Romagna. 


"Nonostante i forti investimenti in qualità e innovazione, l'ortofrutta italiana ed emiliano-romagnola continua a  soffrire di una bassa redditività  - ha sottolineato Rabboni -   Vogliamo che nella nuova Pac ci sia una risposta adeguata alle difficoltà di questo  importante comparto. Perché ciò accada occorre però che l'Italia definisca  proposte chiare e di alto profilo, con una posizione unitaria e condivisa nei confronti dell'Unione europea". 


Di "gioco di squadra"  ha parlato anche il presidente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo Paolo de Castro.   "E' importante - ha detto, ricordando che dalla politica agricola comune arrivano all'Italia ogni anno 6,3 miliardi di euro -  cercare di mettere  insieme Stato, Regioni e noi parlamentari europei per cercare di difendere quella che oggi è la più importante politica dell'Unione europea sia in termini di risorse finanziare che di impatto economico sociale. Bisogna rafforzare il principio di una Pac che non serve solo agli agricoltori ma a tutti i cittadini europei e costruire un percorso che veda l'Italia protagonista". 


Con una PLV pari a circa 1, 1 miliardi di  euro, pari al 30% del totale regionale,  l'Emilia-Romagna è una delle regioni forti dell'ortofrutta europeo. Una realtà che in questi anni ha fortemente investito in qualità e organizzazione con 14 mila aziende, pari al 50% del totale, organizzate in OP, una produzione integrata che  ha raggiunto i 96 mila ettari e un biologico  in forte crescita. In Emilia-Romagna hanno le loro radici alcuni grandi gruppi ortofrutticoli, leader a livello nazionale e internazionale e ogni anno si tiene, a Cesena, il Macfrut, la più importante manifestazione fieristica del settore a livello nazionale e la seconda in Europa. 


Al convegno sono intervenuti anche Mario Catania del Ministero delle politiche agricole, i rappresentanti nazionali di Coldiretti, Confagricotura, Cia, Copagri, Legacoop agroalimentare, Confcooperative Fedagri, e delle principali Unioni di prodotto.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -