Nuova Pansac verso la chiusura, appello della Cgil: "salviamo lo stabilimento ravennate"

Nuova Pansac verso la chiusura, appello della Cgil: "salviamo lo stabilimento ravennate"

Nuova Pansac verso la chiusura, appello della Cgil: "salviamo lo stabilimento ravennate"

In merito al futuro della Nuova Pansac, il piano di ristrutturazione societario presentato al ministero per lo Sviluppo economico prevede che rimarranno operativi solo tre siti produttivi: Mira, Marghera e Zigonia, mentre è prevista la chiusura per le sedi di Milano e Mantova e per gli stabilimenti di Portogruaro e Ravenna. La Cgil lancia l'appello: "salviamo lo stabilimento ravennate dalla chiusura, negli anni ha dimostrato serietà e capacità produttiva".

 

Il progetto industriale e finanziario, dopo avere ottenuto l'approvazione delle banche e della maggioranza dei creditori, deve ora essere omologato dal Tribunale Civile di Milano per evitare il fallimento del gruppo. Il sindacato si è dichiarato contrario al progetto di chiusura di realtà produttive e chiede una soluzione che salvaguardi tutti i lavoratori. La Rsu dello stabilimento di Ravenna non condivide i motivi per cui uno stabilimento produttivo, composto sia da macchinari che da risorse umane efficienti, venga cancellato perchè non è ritenuto strategicamente importante.

 

"Negli anni - spiegano i rappresentanti della Rsu - il sito ravennate ha dimostrato serietà, capacità commerciali e produttive che l'hanno portato ad avere utili anche in quest'anno di crisi mondiale. Nei prossimi giorni la società si è impegnata a incontrare le istituzioni locali al fine di intraprendere un cammino per la possibile cessione dello stabilimento a nuovi imprenditori. Questo obiettivo è condivisibile e raggiungibile solo con l'impegno collettivo di tutti i soggetti interessati: azienda, lavoratori, sindacato e istituzioni. I tempi devono essere serrati perchè la fase di recessione che attraversa il Paese non facilita questo processo per tutelare una cosa ormai rara: il posto di lavoro".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -