Obbligo del microchip per 'Fido' in tutt'Italia

Obbligo del microchip per 'Fido' in tutt'Italia

Obbligo del microchip per 'Fido' in tutt'Italia

Ora tutti i cani dovranno avere un padrone. Il sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, ha deliberato un' ordinanza urgente, perchè tutte le Regioni ed i Comuni si uniformino all'obbligo di microchip e anagrafe per tutti i cani e perchè la vendita dei cuccioli sia vietata fino all'età di due mesi. Una mossa contro il randagismo e l'abbandono dei 'migliori amici dell'uomo'.

 

I proprietari dei cani dovranno registrare l'animale, entro il secondo mese di vita, con l'inserimento del microchip, che andrà eseguito da un veterinario. Per i cani non registrati, che hanno già due mesi, si dovrà provvedere entro 30 giorni dall'entrata in vigore dell'ordinanza. Saranno le amministrazioni locali a vigilare sul rispetto delle norme e ad identificare e registrare in anagrafe i cani randagi ritrovati sul territorio e quelli ospitati nei rifugi e nelle strutture convenzionate.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Polizia municipale dovrà essere dotata di un dispositivo per la lettura del chip, che consenta quindi un controllo immediato dei requisiti anagrafici. Sono esentati gli animali provvisti di tatuaggio ancora leggibile.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -