Omicidio Meredith, 8mila euro a Lumumba per 'ingiusta detenzione''

Omicidio Meredith, 8mila euro a Lumumba per 'ingiusta detenzione''

PERUGIA - "Ingiusta detenzione". La Corte d'Appello di Perugia ha assegnato 8mila euro di risarcimento a Patrick Lumumba Diya, che ha trascorso due settimane in carcere dopo essere stato accusato dell'omicidio di Meredith Kercher. Il musicista congolese è stato poi prosciolto dal gip in quanto riconosciuto totalmente estraneo ai fatti. L'avvocato Carlo Pacelli, che ha definito "oggettivamente iniqua" la decisione, ha annunciato ricorso in Cassazione.

 

Il legale, che per il suo assistito aveva chiesto un risarcimento di 516mila euro, ha affermato attraverso una nota che da un primo esame della motivazione "emerge l'assoluta ingiustizia della medesima". "Nessun riconoscimento del danno patrimoniale, - sottolinea l'avvocato Pacelli - nessun riconoscimento del danno alla salute, danno all'immagine non adeguatamente valorizzato".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Quella di Patrick - ha continuato l'avvocato - non è una protesta puramente ‘economica', ma è profonda indignazione per lo svilimento (tradotto in termini monetari) di quella che è stata e continua a essere una stigmatizzante, tragica e dolorosissima vicenda umana, personale e familiare".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -