Omicidio Ronconi, i genitori dell'imputata: era succube del marito

Omicidio Ronconi, i genitori dell'imputata: era succube del marito

Omicidio Ronconi, i genitori dell'imputata: era succube del marito

RAVENNA - Nuova udienza martedì per l'omicidio del pensionato Lino Ronconi, il pensionato settantenne di Savio ucciso nell'ottobre del 2008. In corte d'assise hanno testimoniato i genitori e gli amici di Cindy Kaufmann, la giovane accusata in concorso con il marito Norman Kaufmann già condannato a trent'anni di reclusione con rito abbreviato. Dell'uomo né è uscita un'immagine fosca: faceva uso di droghe ed alcol che lo rendevano particolarmente violento con la moglie.

 

La coppia si era sposata nel gennaio del 2007. La donna era succube di lui. Nell'agosto del 2008 lo aveva denunciato per violenze fisiche e minacce, non riuscendosi però a staccarsi da lui per amore. Secondo un'amica dell'imputata, la donna era talmente innamorata a tal punto da far qualsiasi cosa che le diceva il compagno. I giudici hanno acquisito la documentazione relativa alla denuncia per lesioni nei confronti del giovane.

 

Questo servirà alla difesa della ragazza, assistita dagli avvocati Giovanni Scudellari e Martin Gabrieli, di come Cindy fosse succube del marito, e come l'atteggiamento le impedisse di prendere scelte differenti da quelle del compagno. La ragazza sarà ascoltata oggi dalla Corte.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -