Omicidio Sarah Scazzi, il processo rimane a Taranto

Omicidio Sarah Scazzi, il processo rimane a Taranto

Omicidio Sarah Scazzi, il processo rimane a Taranto

Rimane a Taranto il processo sull'omicidio di Sarah Scazzi. Lo ha deciso la prima Corte di Cassazione rigettando la richiesta di rimessione del processo per incompatibilità ambientale avanzata dagli avvocati Franco Coppi e Nicola Marseglia, i legali che stanno seguendo Sabrina Misseri. La richiesta era di trasferire il tutto presso la procura di Potenza.

 

Intanto per venerdì è attesa la ripresa dell'udienza preliminare fissata dal gup Pompeo Carriere che vede 13 imputati tra cui (con l'accusa di omicidio della ragazza) la cugina della ragazzina, Sabrina Misseri, e sua madre, Cosima Serrano.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Michele Misseri, marito di Cosima e papà di Sabrina, a Carmine Misseri, fratello di Michele, e un nipote di quest'ultimo, Cosimo Cosma, sono accusati della soppressione del cadavere.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -