Omicidio Sarah Scazzi, la Cassazione critica i pm: "Indizi insussistenti"

Omicidio Sarah Scazzi, la Cassazione critica i pm: "Indizi insussistenti"

Cosima Serrano

Nuovo capitolo della vicenda giudiziaria che riguarda l'omicidio di Sarah Scazzi, la ragazza uccisa ad Avetrana il 26 agosto del 2010 e il cui cadavere è stato gettato in un pozzo ad Avetrana. Ed è un capitolo curioso in quanto la Corte di Cassazione sembra criticare il lavoro svolto dai pm sul caso della ragazzina, facendo notare che non sarebbero stati ricostruiti i 40 minuti decisi che hanno portato alla morte della giovane.

I magistrati della suprema corte hanno depositato le motivazioni che li avevano convinti, il 26 settembre scorso, ad annullare e rinviare al Tribunale del riesame l'ordinanza che teneva (ed è chiaramente valida ancora oggi) in prigione Sabrina Misseri e sua madre Cosima Serrano.

Secondo i giudici della cassazione gli indizi raccolti sono "insussistenti" nei confronti delle due donne per quanto riguarda la parte relativa ai "reati di omicidio volontario e sequestro di persona"; permane invece l'accusa di concorso in soppressione di cadavere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -