On line la 'mappa' dell'aria che respiriamo

On line la 'mappa' dell'aria che respiriamo

On line la 'mappa' dell'aria che respiriamo

Una mappa dell'Emilia-Romagna, uno zoom sull'area d'interesse, la scelta dell'inquinante e il gioco è fatto. In modo rapido e immediato è possibile conoscere e "vedere" in tempo reale la qualità dell'aria che si respira, con una definizione di dettaglio territoriale mai raggiunta fino ad ora (1 kmq). E' questa la principale novità offerta dal rinnovato sito web di Arpa Emilia Romagna dedicato alla qualità dell'aria. Le previsioni sono possibili fino a 3 giorni.

 

Sul sito sono da lunedì disponibili innovativi servizi, di facile utilizzo e immediata comprensione. Le mappe, che usano la piattaforma Google Maps, offrono previsioni fino a tre giorni, nonché l'analisi di quanto accaduto, relativamente ai principali inquinanti e all'Indice di qualità dell'aria, un valore che tiene conto di più fattori e che esprime in sintesi la qualità complessiva dell'aria.

 

Attraverso la mappa è possibile visualizzare cromaticamente i valori dell'Indice di qualità dell'aria e delle poveri fini (PM2,5 e PM10), raggruppati in cinque classi che rappresentano sinteticamente il livello di qualità dell'aria, da buono a pessimo. A breve sarà possibile visualizzare anche i dati relativi al biossido d'azoto e all'ozono. Un'altra novità è rappresentata dalla possibilità di accedere alla rete di misura provinciale, che consente di ottenere le informazioni sulle stazioni di rilevamento e di estrarre in automatico i dati rilevati presso ogni singola stazione.

 

È possibile visualizzare i dati di ogni comune delle nove province emiliano-romagnole, i report di qualità dell'aria e le informazioni specifiche sulle 60 stazioni della rete di monitoraggio.

Per ogni stazione sono disponibili informazioni sull'ubicazione, la tipologia di stazione, le caratteristiche della zona e i parametri misurati dalla centralina. I dati misurati negli ultimi 10 giorni sono riportati graficamente per ogni singolo inquinante, ma è anche possibile estrarre i dati una volta selezionata la stazione, l'intervallo temporale e il parametro d'interesse.

 

Le mappe di previsione e analisi degli inquinanti, novità assoluta in Italia con una definizione così elevata e per aree prive di centraline, sono prodotte da modelli matematico-statistici e si basano sulle emissioni inquinanti presenti sul territorio (traffico, riscaldamento, industrie, ecc.), la meteorologia e le misure delle centraline, riproducendo i principali fenomeni che riguardano gli inquinanti atmosferici: emissione, diffusione, trasporto, reazioni chimiche, deposizioni. Il sistema modellistico tiene conto delle complesse dinamiche dell'inquinamento atmosferico e lavora su tre livelli: Europa, Nord Italia ed Emilia-Romagna. Il dettaglio della superficie terrestre su cui agisce il modello è via via più minuto, e va dal modello europeo (che inquadra porzioni territoriali di 50 kmq) fino al modello regionale, che suddivide tutto il territorio dell'Emilia-Romagna in riquadri di 1 kmq.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -