Oncologia, malattie, neuroscienze e scienze chirurgiche: Emilia Romagna prima per numero di progetti

Resi noti gli esiti del bando del ministero della Salute 2018. Nove progetti di ricerca delle Aziende sanitarie e altrettanti degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico

Emilia-Romagna in cima alla classifica del bando per la ricerca finalizzata 2018 (fondi 2016-2017), indetto dal ministero della Salute. Anche quest’anno la Regione è prima per numero di progetti presentati (147) e per quelli approvati e finanziati (23, oltre l’11% del numero complessivo), cui va un pacchetto di risorse da 8 milioni di euro. Si tratta, nel dettaglio, di 18 progetti di ricerca clinica e 5 borse di studio (starting grant) per ricercatori alla prima esperienza, con età inferiore ai 33 anni. A livello nazionale sono stati erogati più di 93 milioni, destinati a finanziare 197 progetti di ricerca e 38 borse di studio under 33.

“È un risultato che ci rende orgogliosi, perché premia i nostri ricercatori e tutto il nostro sistema sanitario - commenta l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi -. Un riconoscimento importante al valore dell’innovazione e della ricerca in sanità, su cui noi puntiamo fortemente e su cui tutto il Paese deve continuare a investire. Non c’è futuro senza ricerca: come Regione ci crediamo- sottolinea Venturi- e facciamo la nostra parte”.

Sono ancora in corso, intanto, le procedure di valutazione dei “Programmi di Rete” per creare gruppi di ricerca finalizzati allo sviluppo di studi altamente innovativi e caratterizzati dall’elevato impatto sul servizio sanitario nazionale. “Ai risultati, già estremamente positivi, per la ricerca finalizzata - conclude Venturi - potremmo affiancare quelli dei Programmi di Rete, con altri due progetti co-finanziati dal ministero e dalla Regione su tematiche di grande interesse, relative all’uso appropriato di antibiotici e ai nuovi approcci, metodologici e valutativi, per il paziente terminale”.

Ricerca clinica in primo piano

Diciotto, dunque, i progetti dell’Emilia-Romagna approvati, soprattutto nei campi della ricerca clinica in oncologia, neurologia, malattie infettive e microbiologia e nelle scienze chirurgiche, a cui vanno complessivamente quasi 7,4 milioni di euro. 9 sono stati proposti - attraverso la Regione, che ha la responsabilità di validarne la rispondenza con quanto richiesto dal bando - dalle Aziende sanitarie e 9 arrivano dai quattro Irccs dell’Emilia-Romagna. Mentre agli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico i finanziamenti (3,9 milioni) vengono attribuiti direttamente, i restanti 3,4 milioni vanno alla Regione, in qualità di destinatario istituzionale, che li trasferirà a sua volta, in base ad apposite convenzioni, alle Aziende sanitarie.

I progetti finanziati, per Aziende e Ircss di riferimento

I 9 progetti che hanno come destinatario istituzionale la Regione riguardano i ricercatori delle Aziende Ospedaliero-Universitarie di Bologna (5 progetti per un totale di 2,17 milioni), Modena (1 progetto, 208 mila euro), Ferrara (1 progetto, 350 mila euro), Parma (1 progetto, 360 mila euro) e l’Azienda sanitaria locale di Ferrara (1 progetto, 360 mila euro). Due rientrano nella categoria “Progetti ordinari di ricerca finalizzata”, 7 in “Giovani ricercatori”. I 9 progetti degli Irccs, e i relativi finanziamenti (totale 3,9 milioni), risultano così distribuiti: 3 sono dell’Istituto delle Scienze Neurologiche del Bellaria di Bologna (Ausl di Bologna), a cui vanno complessivamente 1 milione 350 mila euro; 2 dell’Arcispedale di Reggio Emilia (per un finanziamento di 784 mila di euro circa); 2 dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna (886 mila euro), 2 dell’Istituto Scientifico Romagnolo di Meldola (897 mila euro circa).

Tra i 18 progetti di ricerca, 8 sono quelli innovativi, mirati all’avanzamento delle conoscenze, mentre 10 riguardano il trasferimento di innovazioni nella clinica e nei servizi sanitari. I progetti per l’avanzamento delle conoscenze riguardano, come ambiti, le malattie infettive e microbiologia (2 progetti), l’oncologia, le neuroscienze, l’endocrinologia, le malattie dell’apparto digerente, la prevenzione del rischio e i comportamenti per la salute, la scienza molecolare (1 progetto in ciascun ambito). I progetti clinico-assistenziali e organizzativi sono mirati allo studio di nuove strategie di screening, diagnostiche e terapeutiche in oncologia (3 progetti), neuroscienze (3) valutazione di tecniche innovative di imaging o chirurgiche (2), valutazione di nuove strategie diagnostiche e terapeutiche in ambito cardiovascolare e patologie muscoloscheletriche (2 progetti).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le borse di studio per gli under 33

I progetti che vedono come vincitori ricercatori con età inferiore a 33 anni sono 5, con un finanziamento complessivo di 650 mila euro: 2 dell’Ausl di Bologna, 1 dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, 1 dell’Arcispedale di Reggio Emilia e 1 dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna; a ogni progetto vanno 130 mila euro.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -