Pablo Echaurren firma l'estate 2007 di Rimini</font<

Pablo Echaurren firma l'estate 2007 di Rimini

RIMINI - I colori abbaglianti e l’immaginario onirico di Pablo Echaurren firmano l’immagine testimonial 2007 della città di Rimini. Dopo René Gruau, Gianluigi Toccafondo, Milo Manara, Jovanotti e, nel 2006, Luca Giovagnoli, tocca all’artista romano il compito di realizzare l’immagine copertina della prossima stagione balneare (eccola nella foto), ancora una volta nel segno di un grande autore che filtra Rimini attraverso la propria sensibilità artistica.


A Pablo Echaurren, al suo talento visionario ricco di cromatismo e di riferimenti concettuali che spaziano tra le diverse forme di arte ‘alta’ e ‘bassa’, è stato affidato dall’amministrazione comunale il compito di realizzare l’immagine che nel 2007 figurerà sui manifesti, sui materiali turistici e promozionali, sulle pubblicità, sulle cartoline dell’estate di Rimini.


Pablo Echaurren in questo senso è il settimo autore in ordine cronologico della recente prosecuzione della celebre tradizione della grafica balneare riminese: un elenco di grandi personalità dell’affiche pubblicitaria, dell’illustrazione, del fumetto, dello spettacolo, scelte di anno in anno per interpretare in modi eterogenei l’immagine e la percezione di Rimini, ricollegandosi idealmente agli storici capostipiti da Marcello Dudovich e Adolfo Busi a Ugo Nespolo e Milton Glaser.


L’opera di Echaurren si distanzia sensibilmente, sia per soggetti che per tratto figurativo, rispetto a quelle realizzate precedentemente: un’esplosione di colori, incorniciata dalla sagoma di due delfini, forme dinamiche incastonate che creano un intreccio di figure armonioso e da decodificare.


Lo stesso autore ha spiegato così la filosofia che ha seguito per comporre la sua immagine di Rimini:

“Il delfino è il mare. Il mare è il delfino. Non si scappa.
E Rimini è località marina per antonomasia. Ergo il delfino è Rimini. E viceversa.
Simboli simbiotici. Il delfino è il giocoliere del mare, l’acrobata acquatico, l’interprete principe delle sculture liquide, delle fontane barocche, di Giovan Lorenzo Bernini.
E Bernini è Roma.
Roma-Rimini? Fellini!”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’opera originale entrerà a far parte del patrimonio del Museo della Città.



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -