Parco, dopo i recenti incidenti mortali cambiano le regole per raccogliere i funghi

Parco, dopo i recenti incidenti mortali cambiano le regole per raccogliere i funghi

Parco, dopo i recenti incidenti mortali cambiano le regole per raccogliere i funghi

Recependo le richieste delle principali associazioni micologiche e degli amministratori locali, l'ente Parco ha adottato una nuova disciplina per la raccolta dei funghi, che entra in vigore dal primo di agosto. I recenti tragici episodi di cercatori di funghi che hanno perso la vita in alcune scoscese zone del Parco, costringono l'Ente a rinnovare l'invito a considerare la raccolta dei funghi come un'attività da eseguire con la dovuta attenzione e preparazione, conoscenza del territorio e dei limiti di ciascuno.
 
Poche ma importanti le modifiche apportate, tendenti a coniugare la salvaguardia del territorio e della risorsa fungina con una fruizione sostenibile da parte di residenti e visitatori. Per i residenti nei Comuni del Parco pochissime son le novità, tra le quali o il periodo per la raccolta del prugnolo che partirà ogni anno dal 15 aprile.

Per i non residenti invece, che si sentivano penalizzati dalle precedenti norme, sono diverse le novità: non esiste più il vincolo legato alle riserve biogenetiche, viene adeguato il calendario introducendo la giornata di riposo anche il mercoledì (come da tempo è nelle aree fuori Parco della Romagna) e viene stabilito che il sabato e la domenica si potrà raccogliere a giorni alterni, secondo la scelta che ciascuno dovrà fare tra giorni a data pari o dispari del fine settimana. Tutto ciò soprattutto per evitare l'eccessivo affollamento di persone verificatosi negli anni passati.
 
Vengono anche aggiornati gli importi, che entreranno però in vigore dal 1 gennaio, così come l'obbligo di portare con sé l'opuscolo che il Parco produrrà entro l'anno.  L'Ente rammenta anche che le strutture ricettive dentro il Parco possono ottenere permessi giornalieri per chi alloggia presso di loro e che sono state abilitate circa 25 guide per la raccolta dei funghi a scopo educativo.
 
Data la complessità della materia e l'innegabile confusione creata dal susseguirsi di nuove regole in pochi mesi, la raccomandazione dell'Ente è soprattutto quella di effettuare la raccolta solo dopo aver preso visione della nuova disciplina, che è scaricabile dal sito del Parco www.parcoforestecasentinesi.it ed ottenibile presso le sedi dell'Ente, i comandi stazione del CFS e i centri visita del Parco.  Informazioni potranno essere richieste anche via posta elettronica all'indirizzo pianificazione@parcoforestecasentinesi.it

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -