PARMA - Adozione a distanza, ciclo d’incontri nelle scuole superiori

PARMA - Adozione a distanza, ciclo d’incontri nelle scuole superiori

PARMA - Un ciclo d’incontri nelle scuole superiori di Parma e provincia, per promuovere l’adozione e il sostegno a distanza e per riflettere insieme sulle condizioni dell’infanzia nei paesi poveri del mondo. La rassegna, organizzata dall’Assessorato alle Politiche sociali della Provincia e dal Coordinamento adozione a distanza, è iniziata oggi all’Istituto tecnico commerciale “Melloni”, alla presenza di numerose classi della scuola e del preside Giuseppe Zaccaria, con un primo focus dedicato a Brasile e Zambia: dopo i saluti dell’assessore provinciale alle Politiche sociali Tiziana Mozzoni, Don Corrado Vitali del Gruppo Mission ed Erika Cerdelli dell’Associazione Sorridi Bimbo hanno parlato ai ragazzi delle condizioni di vita dei bambini rispettivamente in Brasile e Zambia, due dei paesi in cui le loro organizzazioni sono impegnate, mettendo in evidenza il ruolo fondamentale che possono svolgere forme di solidarietà internazionale come l’adozione e il sostegno a distanza.


La Provincia di Parma ha attivato da quattro anni un Coordinamento che riunisce le organizzazioni locali impegnate nel settore dell’adozione a distanza, per ideare, proporre e realizzare insieme iniziative volte a sensibilizzare la cittadinanza sul tema dell’infanzia nel mondo, e in particolare per diffondere l’adozione e il sostegno a distanza quali strumenti solidali che permettono di offrire un aiuto concreto ai bimbi dei paesi poveri. “Quest’anno abbiamo pensato di concentrarci in particolare sulle scuole superiori – ha spiegato l’assessore Tiziana Mozzoni -. Innanzitutto mettendo a disposizione degli istituti interessati una mostra fotografica itinerante e gli elaborati grafici firmati dai ragazzi dell’Istituto d’arte Toschi, e in secondo luogo proponendo loro momenti seminariali con l’intervento di organizzazioni impegnate nel settore e aderenti al Coordinamento provinciale. L’obiettivo è appunto quello di far conoscere agli studenti la realtà dell’infanzia nel mondo e l’adozione e il sostegno a distanza quali strumenti che permettono ai bambini dei paesi poveri di avere un’istruzione, un’assistenza sociale e sanitaria, un sostegno familiare: quindi di vivere nella propria famiglia evitando l’abbandono e di vedere garantiti i propri diritti fondamentali, tutte cose che permetteranno loro di assicurarsi un futuro migliore”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il secondo appuntamento del ciclo d’incontri “Sotto le stesse stelle” è per il 14 febbraio alle 9,30 al Cinema Cristallo di Borgotaro (per gli studenti dell’Istituto Zappa-Fermi di Borgotaro e dell’Ipsia di Bedonia). Seguiranno quelli all’Itis Berenini di Fidenza, all’Itsos di Langhirano, all’Itsos di Fornovo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -